logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
83

VOGHERA 30/01/2023: Realizzazione di un percorso cittadino privo di barriere architettoniche. Presentato in Comune il progetto del dell’Istituto Maserati Baratta

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 30 gennaio 2023

VOGHERA – Identificare un percorso cittadino privo di barriere architettoniche, fruibile anche dalle persone con disabilità. E’ stato presentato questa mattina nella Sala Consiglio del Comune di Voghera il lavoro svolto dagli studenti dell’Istituto Maserati Baratta nell’ambito del progetto “Voghera Smart – Una città che accoglie le persone disabili”.

L’obiettivo è stato quello di rilevare il livello di accessibilità di diverse vie del centro storico da parte degli studenti delle classi quarte e quinte, sotto la guida di docenti e ricercatori universitari.

Presenti alla illustrazione il Sindaco Paola Garlaschelli, il Vicesindaco ed Assessore alla Scuola Simona Virgilio, l’Assessore all’Urbanistica William Tura, l’Assessore ai Servizi Sociali Federico Taverna, l’Assessore al Commercio Maria Cristina Malvicini, il Dirigente ai Lavori Pubblici Massimiliano Carrapa, il Dirigente ai Servizi Sociali Domenico Marrapodi.

Con lorto Alessandro Greco dell’Università degli Studi di Pavia, Paolo Colli, Andrea Piccolini, Virginia Bruno, Davide Pallini, docenti dell’Istituto Maserati Baratta, e il Presidente di Anmic Pavia Angelo Achilli.

Il progetto “Voghera Smart – Una città che accoglie le persone disabili” è nato su proposta dell’Anmic, in collaborazione con il Comune di Voghera, l’Unione italiana ciechi e ipovedenti, l’Università degli Studi di Pavia, e gli indirizzi CAT e turistico della sezione Baratta dell’Istituto Maserati.

Durante l’anno scolastico 2021/2022 gli studenti hanno partecipato a degli incontri tenuti dai rappresentanti delle varie associazioni durante i quali è stato presentato il progetto. In occasione di uno di questi incontri, ai ragazzi è stata proposta una simulazione pratica della privazione del senso della vista, e allo stesso tempo di percorrere un tragitto all’interno dell’istituto con l’ausilio di bastoni per ipovedenti. Nell’occasione successiva alcuni studenti hanno percorso lo stesso tragitto su una carrozzina. Queste esperienze hanno consentito loro di provare personalmente i disagi e gli ostacoli che le persone con disabilità devono affrontare ogni giorno.

Nelle uscite effettuate durante l’anno scolastico 2022/2023, i ragazzi si sono poi recati nel centro della città per rilevare sui diversi percorsi le criticità e i punti di forza sotto l’aspetto dell’accessibilità.

Sono stati 34 gli alunni protagonisti. Tre i pomeriggi di rilevazioni in orario extrascolastico. 75 le schede compilate, e 4,5 i km di strade urbane rilevate.

Sono state studiate le caratteristiche di alcune vie che collegano la stazione ferroviaria a Piazza Duomo, misurandone le lunghezze e trascrivendo le osservazioni, ad esempio il materiale e la pendenza della pavimentazione stradale, la presenza o assenza di passaggi coperti, scalini o ostacoli che obbligano i pedoni a spostarsi sulla strada.

Al termine degli incontri  sono stati elaborati i dati delle schede e sono stati segnati su una mappa queste strade con colori diversi, a seconda della difficoltà più o meno grande che ci vuole per percorrerle.

La proposta degli studenti è che queste informazioni potrebbero essere rese pubbliche tramite un’app per smartphone, in modo da sapersi orientare sia in base alla meta, sia in base alla facilità di percorso.

“Abbiamo invitato gli studenti ad illustrare il lavoro svolto in Comune alla presenza dei Dirigenti e degli Assessori dei settori coinvolti perché il nostro intento è quello di lavorare al loro fianco – ha detto la sindaca Paola Garlaschelli -. I ragazzi hanno svolto un lavoro encomiabile, mostrando grande sensibilità nei confronti delle tematiche trattate. A breve ci ritroveremo, coinvolgendo altresì l’Assessore Regionale alla Disabilità Elena Lucchini, per parlare del PEBA (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche) del Comune e di come poter trasformare in interventi le indicazioni emerse dallo studio che ci è stato sottoposto”.

“Si tratta di un lavoro professionale e ben fatto, che va posto tra gli obiettivi – ha sottolinea l’Assessore all’Urbanistica  William Tura -. E’ un passo in avanti importante, verso una nuova idea di città. Agli studenti va rivolto un grande plauso, perché i dati raccolti vanno ad agevolare il nostro lavoro. Si sviluppa così un asset strategico per il nostro Comune, grazie a questo progetto pilota che potrà essere ampliato, individuando progettualità legate al percorso della greenway”.

Top