logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
16

VOGHERA 25/03/2022: Sordi in giovane età per colpa della musica in cuffia. L’1 aprile la Giornata di Sensibilizzazione. Visite gratuite in ospedale ai ragazzi

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 25 marzo 2022

VOGHERA – Il 1 aprile 2022 è prevista la prima Giornata di Sensibilizzazione dell’Udito: “Prevenzione dei danni da rumore in età scolastica”.

La Giornata è organizzata dalla Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale (SIOeChCF) con la cooperazione della Società Italiana di Audiologia e Foniatria (SIAF) e di 23 Associazioni di pazienti e parenti di soggetti ipoacusici (senza fini di lucro) operanti sul territorio Nazionale. Essa inoltre è in ideale continuità con la Giornata Mondiale dell’udito istituita dall’OMS.

L’evento rappresenta uno screening per gli studenti che lo richiedano, in quanto portatori di disturbi uditivi di recente insorgenza, oppure perché abitualmente esposti all’ascolto di musica ad elevati livelli di volume.

Per l’occasione i reparti di Otorinolaringoiatria degli Ospedali di Voghera e Vigevano parteciperanno alla giornata, prevedendo esami dell’udito gratuiti per i ragazzi dai 6 ai 18 anni.

In particolare: Voghera: venerdì 1 aprile 2022 dalle ore 13 alle ore 15 (Sarà possibile prenotarsi, fino ad esaurimento posti, dal 28 al 31 marzo 2022, chiamando il numero 0383 695668, dalle ore 13,30 alle ore 14,30, per l’Ospedale Civile di Voghera)

Per Vigevano: venerdì 1 aprile 2022 dalle ore 13 alle ore 15 (prenotazioni al numero 0381 333314, dalle ore 13,30 alle ore 14,30).

LA SORDITÀ

La sordità o ipoacusia (perdita dell’udito) è una condizione molto comune e diffusa. L’OMS stima che il 20% circa della popolazione mondiale ne sia affetta e che essa si manifesti in maniera invalidante in 430 milioni di soggetti circa. Fra di essi si annoverano circa 34 milioni di bambini. Per ridurre le possibili conseguenze negative, la perdita uditiva dev’essere identificata e trattata il prima possibile.

COME PREVENIRE

L’udito è fondamentale per sentire, capire e comunicare verbalmente. L’orecchio è un organo di senso molto complesso e delicato che necessita di protezione per l’intero arco della vita. Il suo principale nemico è il rumore: infatti ascoltare in un ambiente rumoroso è molto faticoso e dannoso. Se un rumore o un suono sono molto ‘forti’ e si è esposti ad esso per lunghi periodi, si possono sviluppare danni irreversibili al nostro orecchio. Purtroppo, i giovani spesso ascoltano la musica per lunghi periodi di tempo con le cuffiette o direttamente dalle casse ad alto volume, compromettendo in tal modo l’integrità dell’apparato uditivo. Inoltre, altri fattori possono concorrere a danneggiare il nostro orecchio come particolari farmaci, virus oppure i traumi acustici acuti come lo scoppio di un petardo.

L’IMPORTANZA DELLA DIAGNOSI PRECOCE

La prevenzione è l’unico strumento che abbiamo a disposizione per preservare il nostro udito ed è importante imparare fin da piccoli a proteggere questo delicato organo di senso.

Riconoscere precocemente i sintomi della sordità è fondamentale per poter intervenire sia sulle possibili cause sia per ridurre al minimo la disabilità che ne deriva. Grazie ai programmi di screening audiologico neonatale oggi è possibile individuare già alla nascita i bambini con problemi ‘congeniti’ di udito; sarà così possibile intervenire precocemente in maniera che essi possano ‘sentire’ e di conseguenza acquisire il linguaggio verbale nei tempi corretti. Se la sordità compare successivamente, invece, solo la conoscenza dei sintomi può allertare i genitori o gli insegnanti. Nei bambini iperattivi, disattenti oppure in quelli che tendono all’isolamento ed in ogni caso nel quale vi sia anche il più piccolo dubbio sull’udito è consigliabile una valutazione audiologica. Oggi è possibile effettuare una diagnosi precoce a qualunque età e soprattutto intervenire grazie alla tecnologia e alla riabilitazione per ridurre al minimo l’impatto del deficit uditivo nella vita dei bambini e dei ragazzi.

Top