logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
69

VOGHERA 20/10/2023: Israele-Palestina. Sabato 21 ottobre dalle ore 16.30 nella piazzetta della Chiesa del Carmine di via Mazzini, presidio per la Pace alla Chiesa del Carmine

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 20 ottobre 2023

VOGHERA – Israele-Palestina: fermiamo la violenza, riprendiamo per mano la Pace!. Questo il titolo della manifestazione che il mondo dell’associazionismo vogheresi svolgerà sabato 21 ottobre, dalle ore 16.30, nella piazzetta della Chiesa del Carmine di via Mazzini.

Il “presidio di pace” si volgerà in aderenza all’appello per la pace lanciaot a livello nazionale da un folto gruppo di associazioni (fra cui: Assisi Pace Giusta Rete Italiana Pace e Disarmo Acli Anpi Arci Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII Beati i costruttori di Pace Centro Studi Sereno Regis Cisp Cgil Fondazione Lelio e Lisli Basso Fondazione Giorgio La Pira e Centro Internazionale Studenti Forum Trentino per la pace e i diritti umani Gruppo Abele Ipri-Ccp Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo Legambiente Libera Lunaria Movimento Internazionale della Riconciliazione Movimento Nonviolento Nexus Emilia Romagna Pax Christi Portico della Pace Bologna Pro Civitate Christiana Tavola della Pace).

Image 76

A seguire il testo dell’appello “Israele-Palestina: fermiamo la violenza, riprendiamo in mano la pace!”

“Condanniamo l’ignobile e brutale atto di aggressione di Hamas contro la popolazione civile Israeliana, contro anziani, bambini, donne, in spregio di ogni elementare senso di umanità e di civiltà, alla quale si è aggiunta la barbara pratica della presa di ostaggi. Siamo di fronte alla violazione di tutti i trattati e le convenzioni internazionali, volti a salvaguardare le popolazioni civili dalle guerre e da ogni forma di occupazione.

Non vi è giustificazione alcuna per l’operato di Hamas, neppure la disperazione e l’esasperazione del popolo Palestinese, vittima da decenni dell’occupazione, della restrizione delle libertà, della demolizione delle case, dell’espropriazione dei terreni e delle continue provocazioni delle frange radicali della destra israeliana e dei coloni può trovare una risposta nell’azione terroristica e militare.

La nostra condanna contro ogni forma di violenza, di aggressione e di rappresaglia contro la popolazione civile, sia Palestinese, sia Israeliana è assoluta.

Hamas deve immediatamente rilasciare gli ostaggi e cessare le ostilità per il bene del popolo palestinese. Israele non deve reagire con la sua potenza militare contro la popolazione della Striscia di Gaza o usare metodi di rappresaglia come togliere cibo, luce, acqua ad una popolazione anch’essa ostaggio della violenza scatenata da Hamas, senza vie di fuga ed impossibilitata a proteggere le famiglie, i bambini e gli anziani.

Il 7 ottobre segna una radicale svolta militare, di guerra, che porterà nuove vittime e nuovo odio senza risolvere le cause che, da quasi un secolo, travolgono la popolazione e la terra di Palestina e d’Israele. E’ evidente per di più il rischio imponderabile del conflitto che potrebbe travolgere il Medio Oriente.

Solo con il rifiuto della guerra e della violenza possiamo tutti impegnarci per costruire giustizia, rispetto per i diritti di autodeterminazione delle due popolazioni, riparazione, convivenza, pace giusta e duratura.

Ci appelliamo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite affinché assuma la propria responsabilità di organo garante del diritto internazionale chiedendo alle parti l’immediato cessate il fuoco, il rilascio degli ostaggi e dei prigionieri, il rispetto del diritto umanitario per evitare ulteriore spargimento di sangue, con l’impegno di convocare, con urgenza, una Conferenza di pace che risolva, finalmente, la questione Palestinese applicando la formula dei “due Stati per i due Popoli”, condizione che porrebbe fine all’occupazione Israeliana ed alla resistenza armata Palestinese, ristabilendo così le condizioni per la costruzione di società pacifiche e democratiche.

Noi, come componenti della società civile italiana ed internazionale, siamo pronti a fare la nostra parte per sostenere il cammino della pace ed invitiamo le autonomie sociali Palestinesi ed Israeliane a schierarsi chiaramente per la fine della violenza, per il rispetto reciproco e per il reciproco diritto di vivere in pace e liberamente nel proprio stato. Per questo lanciamo un appello alle associazioni e movimenti Palestinesi ed Israeliani a manifestare insieme, in Terra Santa, sfidando chi invece vuole distruggere con la violenza, con l’aggressione, con l’occupazione e l’assedio, il diritto dell’altro, la possibilità della convivenza e di un futuro di pace e di benessere per tutto il Medio Oriente. Riprendiamo per mano la pace.”

Top