logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
14

VOGHERA 02/08/2019: Buoni pasto a scuola. Arriva la App per pagarli

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 02 agosto 2019
 

VOGHERA – Buoni pasto a portata di click. Per il prossimo anno scolastico verrà introdotta una nuova App veloce e comoda per permettere alle famiglie degli alunni della scuola dell’infanzia, primarie e secondarie di pagare i buoni pasto.-

La novità è arrivata lunedì in Consiglio comunale con l’approvazione di una variazione di bilancio, che prevede, su proposta dell’assessore Marina Azzaretti, 8.000 euro da destinarsi all’ottimizzazione del servizio della School Card attraverso la messa a disposizione alle famiglie della App “Spazio Scuola” che potrà essere utilizzata tramite dispositivi mobili, permettendo così ai genitori di seguire l’andamento della propria situazione e pagare senza la necessità di doversi recare presso lo sportello bancomat.
«Sono soddisfatta di questo nuovo obiettivo raggiunto che auspico sia gradito anche alle famiglie – commenta l’assessore delegato Marina Azzaretti – La nostra attenzione al fine di garantire la massima funzionalità dei servizi per una buona scuola vogherese è costante, di concerto e in collaborazione costante con le dirigenze. L’impegno dell’amministrazione è dedicato in particolar modo, con questo nuova App, a facilitare le famiglie, consapevoli della necessità della conciliazione dei tempi lavoro/vita privata».
Si tratta di una specifica applicazione per dispositivi mobili smartphone e tablet che consentirà la verifica della situazione dei consumi relativamente al servizio di ristorazione scolastica e i costi generati per uno o più figli contemporaneamente.
L’App offrirà la possibilità di effettuare i pagamenti direttamente in tempo reale. Le famiglie saranno informate sulla data di avvio delle nuove funzionalità.
I dati.
Lo scorso anno scolastico gli utenti che hanno usufruito il servizio mensa sono stati 2469, con un’entrata complessiva di 675.000 euro. Sono state rilevate 212 posizioni morose, a cui è stata mandata la raccomandata. Di queste 20 famiglie hanno chiesto la rateizzazione e 130 posizioni sono andate incontro alla riscossione coatta: la morosità totale è di 70mila euro. «Gli uffici delegati del settore scuola effettuano periodicamente rilevamenti sulle morosità nei pagamenti del sevizio mensa», specifica l’assessore Azzaretti. Gli uffici competenti, verificate le morosità, effettuano un primo contatto telefonico in cui si invita in modo cordiale le famiglie a regolarizzare la loro posizione. Lasciato passare un certo lasso di tempo si effettua una seconda verifica, nel caso non abbiamo regolarizzato la posizione si invia una raccomandata. Come terza azione successiva nel caso di mancato pagamento si procede al trasferimento della documentazione agli uffici delegati per l’invio della cartella esattoriale. La tolleranza e’ necessaria per garantire il pasto ai bambini.

Top