logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
18

VOGHERA 02/07/2022: La Vergogna. Danneggiato dai vandali il parco giochi attrezzato per i bambini con disabilità

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 02 luglio 2022

VOGHERA – Era già accaduto negli anni prima del Covid. Ora la vergogna è ritornata. Nei giorni scorsi un gruppo di giovani ha danneggiato il parco giochi di viale Marx, uno dei parchi gioco più significativi della città di Voghera perchè attrezzato anche per i bambini con disabilità.

Di seguito la segnalazione disperata e disperante di un residente, che lamenta l’accaduto ma soprattutto l’impunità di cui godono questi gruppi di giovani vandali.

“Vorrei porre l’attenzione su quello che sta accadendo in viale Carlo Marx, al parco giochi inclusivo preso i giardini Moschi – scrive il lettore L.G. -. Dalle sette di sera in poi il parco giochi viene ‘invaso’ da gruppi di adolescenti che, con aria di sfida e atteggiamenti violenti, provocano chiunque chieda loro di rispettare le regole.”

All’interno del parco, “fumano, si intrattengono in atteggiamenti intimi davanti ai bimbi, corrono con le bici creando pericoli per i più piccoli – prosegue il residente -. Ma soprattutto la sera tardi devastano tutto, vandalizzando, imbrattando e addirittura appiccando fuochi.“

I vandalismi sono avvenuti anche ieri sera, quando “i teppisti hanno distrutto anche la giostra per disabili”, spiega ancora il residente allegando delle foto e aggiungendo: “Addirittura il custode, un volontario, giorni fa ha rinunciato all’incarico dopo l’ennesima lite con un gruppo e i numerosi insulti e minacce ricevute.”

Circa gli interventi, il lettore aggiunge. “Gli abitanti della zona chiamano spesso le forze dell’ordine (io le ho chiamate ieri sera) ma il loro intervento purtroppo non serve a placare lo spirito violento e distruttivo di questi giovani.”

Aggiunge ancora il residente: “Ho scritto anche al Comune, segnalando la criticità della situazione, ma non ho ricevuto risposta.”

La speranza ora è che parlando del problema si “possa accendere un riflettore su questa situazione diventata grave e dare una svegliata alle Istituzioni.”

Perchè conclude il lettore, ”E’ assurdo che chi paga le tasse e rispetta le regole si debba vedere sottratto uno dei pochi spazi pubblici utili ai bambini e non solo”.

Top