logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
82

Smart working verso la scadenza, cosa succede dal 30 settembre per genitori e lavoratori fragili?

di Alessia Conzonato

da www.corriere.it
@Riproduzione Riservata del 23 settembre 2023

È previsto per il 30 settembre, come predisposto dalla legge di conversione del decreto Lavoro, la fine dello smart working per i lavoratori definiti super-fragili, ovvero coloro che sono affetti da gravi patologie (individuate nel decreto ministeriale del 4 febbraio 2022) croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità e operano sia nel settore privato che in quello pubblico. La norma, finora, ha previsto che il diritto al lavoro da remoto per loro non fosse condizionato alla compatibilità delle loro mansioni, «anche attraverso l’adibizione a diversa mansione compresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dai contratti collettivi di lavoro vigenti, senza alcuna decurtazione della retribuzione in godimento».

Genitori di under 14 in smart fino al 31 dicembre

La norma, però, non prende in considerazione quelle situazioni in cui non ci sono mansioni che il dipendente può effettuare a distanza e rimane al datore di lavoro la decisione su come regolarsi, non potendo in alcun modo opporre lo smart working al lavoratore super-fragile. Al contrario, i genitori di figli under 14 e i professionisti che rischiano una maggiore esposizione al contagio da Covid-19 (per età anagrafica, presenza di patologie oncologiche o svolgimento di terapie salvavita) hanno la proroga confermata fino al 31 dicembre. In questo caso, però, il vincolo della compatibilità delle mansioni ha valenza: ciò significa che il datore di lavoro è autorizzato a negare il lavoro agile se le mansioni che il richiedente effettua non danno possibilità di operare da remoto.

Cosa fare dal primo ottobre

La differenza di data si spiega, probabilmente, con l’implicazioni di costi maggiori a carico del datore di lavoro per quanto riguarda la tutela del lavoro da remoto per i lavoratori super-fragili rispetto alle due categorie che sono tutelate fino al termine dell’anno. Cosa succederà quando, dal primo ottobre, lo smart working arriverà al termine per i soggetti affetti da gravi patologie? Tra le priorità del governo non sembrano esserci nuovi provvedimenti per ulteriori proroghe, perciò una soluzione per evitare il richiamo all’attività in sede è la richiesta di una certificazione medica che li faccia rientrare nelle condizioni di fragile, a maggior rischio di contagio e quindi con scadenza del lavoro da remoto fissato al 31 dicembre (anche se legato alla compatibilità delle mansioni).

Top