logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
8

SI TORNANO A CERCARE AMICI FUORI DA FACEBOOK

di Don Antonio Mazzi

Ditemi che sono ingenuo e che, come il solito, sono sempre dalla parte sbagliata. Forse sbagliata no, ma dalla parte dei giovani sì. Sono pronto a urlare come un matto quando sbagliano, ma sono altrettanto sicuro che possono cambiare il mondo. Tanto è vero che uno dei miei “comandamenti” è: “Nessuno è irrecuperabile”.
Giorni fa leggevo un’intervista all’antropologo Franco La Cecla in cui diceva che Facebook tramonterà e tornerà la vera amicizia. Nelle ultime due righe dell’intervista, parlando sempre di Facebook, dichiarava: “Nessun adolescente lo usa. Si sta tornando ad una società in cui i legami faccia a faccia sono più importanti di quelli virtuali”. Avevo tanto bisogno d’aria e, ancor di più, avevo, o meglio ho, bisogno di sapere che c’è qualcuno più ottimista di me.
Ritrovare la parola calda, autentica, significa ritrovare la vita, rinascere, piantandoci gli occhi dentro gli occhi, le mani tra le mani, il tono musicale che ognuno di noi, senza accorgersi, si porta dento, perché la parola è anche musica.
Tornerà la speranza e la società non sarà più quella dei grattacieli e delle televisioni aperte giorno e notte, ma quella che si parla a tavola, che torna a scrivere, che si siede sul divano del salotto. Invece di accendere la televisione, accende il cuore.
Perché c’è un tempo che si misura cliccando sul telefonino e c’è un tempo che si misura con i battiti del cuore. I suoi battiti danzano ai ritmi delle parole che ti escono dall’anima e non dal programma televisivo.
La nostra cosiddetta civilizzazione (mi vergogno di dare ai nostri giorni un titolo così impegnativo) ha parole artificiali per dare un tempo alle notti del sabato, tra una discoteca e l’altra, ma ha perso le carezze che tra una parola e l’altra scandiscono le stagioni del cuore.
Ci sono parole autentiche che si sono radicate dentro di noi e che se rimarranno sempre più vicine delle altre che radici non hanno, ci faranno vivere e non solo sopravvivere.
E queste parole non le ha fatte nessuno, nemmeno la mamma. Erano già fatte e sono rimaste sempre fresche, appena sfornate. Dobbiamo tornare qui. E Franco La Cecla dice che stiamo tornando. Notizia divina!
da www.exodus.it
@Riproduzione Riservata del 15 febbraio 2019

Top