logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
21

Ru486. Londra «normalizza» la pillola abortiva per posta

di Francesco Ognibene
da www.avvenire.it
@Riproduzione Riservata del 06 settembre 2022

L'aborto domiciliare, con il consulto medico a distanza e la spedizione del farmaco a casa, diventa una prassi del Sistema sanitario inglese. Col record storico di aborti, si pensa solo a facilitarli.-

La Marcia per la Vita del 3 settembre per le strade di Londra - Twitter @spucforlife

Li chamano «Pills by post abortions», aborti con la pillola via posta. Non suona bene, e la realtà è anche peggio: interruzioni di gravidanza nel bagno di casa o dell’ufficio, senza assistenza, col medico che si può anche non aver mai visto, perché la pillola abortiva arriva col postino. Ma da inizio settembre il metodo del consulto a distanza – anche solo via email – con la prescrizione della pillola abortiva e l’invio del farmaco abortivo al domicilio della donna con una gravidanza entro la decima settimana è entrato a far parte delle procedure previste dal Sistema sanitario britannico. Quella che doveva essere una modalità d’uso in emergenza, sperimentata durante la fase più acuta della pandemia per evitare l’accesso in ospedale, diventa la norma. Il Ministero della Salute di Londra non sembra preoccupato dal record storico di aborti registrato nel 2021 (215mila, oltre metà dei quali con pillola abortiva) proprio per effetto dell’estrema facilità di accesso. Un incremento del 2% sull’anno precedente, mentre in Italia – dove c’è chi chiede di aprire allo stesso protocollo – si è assistito a un calo del 9,3%. Per le autorità sanitarie, preoccupate solo di semplificare al massimo il ricorso all’aborto, basta che i medici certifichino che le pillole servono solo per far abortire. Intanto si perde ogni forma di dialogo e di ascolto con le donne. Ma questo sembra non interessare nessuno.
Sabato 3 settembre a Londra erano sfilate migliaia di persone per l’annuale «March for Life», un’iniziativa che in questa edizione ha assunto la forma di un’iniziativa di protesta contro la politica che negli ultimi anni non ha fatto che incentivare l’aumento delle gravidanze interrotte volontariamente. Significativo lo slogan scelto dagli organizzatori: «10 million, too many», citazione drammatica del numero di aborti nel Regno Unito dalla legalizzazione con l’Abortion Act nel 1967. «Too many», troppi.

Top