logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
22

PAVIA VOGHERA E PROVINCIA 10/03/2022: Guerra in Ucraina. Il decalogo e le regole dell’Ats destinate ai profughi e a chi li ospita

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 10 marzo 2022

VOGHERA E PROVINCIA – “Invitiamo i profughi ma soprattutto le famiglie e le associazioni che ospitano i cittadini ucraini a consultare tempestivamente il sito web (in continuo aggiornamento) per verificare i centri del territorio dedicati all’emergenza Ucraina presso i quali è possibile ricevere tutti i servizi. Ringrazio tutti coloro che stanno operando per rendere possibile questa straordinaria rete di solidarietà nei confronti di chi sta fuggendo dalla guerra”.

L’appello è del direttore generale di ATS Pavia Lorella Cecconami che, con un’azione coordinata da Prefettura e Protezione Civile e con il coinvolgimento di tutti gli enti del territorio, sta lavorando per accogliere, assistere e sostenere i profughi provenienti dall’Ucraina nel rispetto delle indicazioni del Governo centrale e di Regione Lombardia

Spiega l’Ats. “Anche sul territorio di Pavia, come nel resto della Regione Lombardia, si sta organizzando una rete per la presa in carico temporanea, dei profughi ucraini: ATS, Prefettura, Protezione Civile, Comuni, Asst, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, Croce Rossa e Areu stanno lavorando in stretta sinergia per far fronte alle necessità della popolazione ucraina.

L’assistenza sanitaria è garantita gratuitamente e le indicazioni sono descritte in modo dettagliato sul sito di ATS Pavia, nella sezione “Emergenza Ucraina” (https://www.ats-pavia.it/web/guest/contenuto-web/-/asset_publisher/SP46mRKBFmdy/content/assistenza-sanitaria-per-i-profughi-provenienti-dall-ucraina-informazioni-sintetiche).

A seguire VogheraNews.it pubblica il contenuto completo della pagina dell’Ats (aggiornata al 10-32-22) dedicata accoglienza dei profughi ucraini.

COSA FARE UNA VOLTA ARRIVATI IN ITALIA

  • Entro 48 ore dall’ingresso  occorre recarsi presso le sedi dei comuni negli uffici della polizia municipale del comune ospitante (per i Comuni di Vigevano e Voghera presso i Commissiorato di P.S., per il Comune di Pavia presso la Questura) e compilare la “Comunicazione di ospitalità in favore di cittadino extracomunitario” con indicazione dei propri dati anagrafici e dell’indirizzo presso cui sono ospitati
  • La registrazione dei dati non comporta nessun costo, non comporta nessun rischio economico, e attiva il Sistema Socio Sanitario Regionale per la messa a disposizione degli interventi
  • Entro 48 ore dall’ingresso occorre effettuare un tampone antigenico o molecolare per la ricerca di SARS COV2, che permette anche di muoversi sul territorio e utilizzare i mezzi pubblici
  • Occorre munirsi al più presto di un codice sanitario indispensabile per usufruire di tutte le prestazioni sanitarie: Tessera sanitaria Provvisoria per bambini minori e per le donne in gravidanza; codice di Straniero Temporaneamente Presente (STP) per tutti gli altri
  • Successivamente è fortemente raccomandato fare una visita medica che è offerta gratuitamente

A partire dall’11 marzo a Vigevano presso il Centro Commerciale Il Ducale, Viale industria 225,  dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 è possibile effettuare tutto il percorso previsto (tampone, visita e vaccinazione Covid, le altre vaccinazioni previste e rilascio Tessera sanitaria Provvisoria o codice STP) ad accesso diretto senza prenotazione.

DOVE FARE SUBITO I TAMPONI

Il primo tampone entro 48 ore dall’ingresso potrà essere effettuato gratuitamente e senza impegnativa con accesso diretto:

  • dai Medici di Medicina Generale/Pediatri di Libera scelta
  • presso questi punti tamponi del territorio:
Punto TamponeIndirizzoorari
VogheraContainer alla destra dell’ingresso di via Volturno 14dal lunedì al venerdì dalle ore 11.30 alle ore 12.30
VigevanoContainer alla destra dell’ingresso di Corso Milano 19dal lunedì al venerdì dalle ore 12.30 alle ore 13.30
  • Nei 5 giorni successivi al tampone occorre osservare il regime di autosorveglianza (cioè controllare se ci sono variazioni di temperatura o comparsa di sintomi), con obbligo di indossare mascherine FFP2, ad esclusione delle categorie esonerate ai sensi della normativa vigente

DOVE POSSO FAR FARE LA TESSERA SANITARIA PROVVISORIA O IL CODICE STP?

  • dall’ingresso in Italia i minori e le donne in stato di gravidanza devono richiedere al più presto  l’iscrizione al Servizio Sanitario Regionale recandosi presso tutti gli “Sportelli scelta e revoca” dell’ASST (vedi tabella) per il rilascio di una tessera sanitaria provvisoria. (Con tale tessera sanitaria è possibile rivolgersi gratuitamente a qualsiasi MMG/PLS del territorio, anche per la prescrizione di farmaci o di accertamenti diagnostici).
  • tutti gli altri profughi Ucraini devono richiedere il codice di Straniero Temporaneamente Presente (STP), necessario per poter ottenere prestazioni e prescrizioni anche di farmaci a carico del SSR, recandosi presso tutti gli “Sportelli scelta e revoca” dell’ASST (vedi tabella). I profughi in possesso di codice STP possono rivolgersi ai MMG o PLS del territorio per il rilascio di certificati medici, effettuazione tamponi (ove il medico o pediatra di famiglia ne dia la disponibilità) o visite mediche.
Sede sportelloIndirizzoorari
PaviaV.le Indipendenza 3dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00
Corteolona e GenzoneVia dei Longobardi 3dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00
VidigulfoVia Aldo Moro 15lunedì dalle 8.30 alle 13.00
VogheraV.le Repubblica 88dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00
BroniVia Emilia 351lunedì-martedì-giovedì-venerdì 8.30-13.00
Vigevanoc/o Ospedale Civiledal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00
MedeV.le dei Mille 27dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00

DOVE POSSO FARE LA VISITA MEDICA?

  • Presso tutti gli ambulatori dei Medici di Medicina Generale o Pediatri di Libera Scelta, eventualmente chiedendo indicazioni a chi vi ospita, possibilmente già muniti di Tessera Sanitaria Provvisoria o codice STP
  • A partire dall’11 marzo a Vigevano presso il Centro Commerciale Il Ducale, Viale industria 225,  dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30

COME POSSO FARE PER VACCINARMI CONTRO IL COVID?

  • è possibile accedere gratuitamente e senza prenotazione, una volta ottenuto il codice STP o la tessera sanitaria provvisoria se minorenni o gravide, ai seguenti Centri vaccinali Covid provinciali per effettuare o completare il ciclo vaccinale anti SARS-CoV2, anche ai fini dell’ottenimento del green pass
CVIndirizzoorari
Centro vaccinale IRCCS San MatteoVia Giulotto 10, Pavia13 marzo dalle 10 alle 1420 marzo dalle 10 alle 14
Centro vaccinale ASST Pavia – Centro Il Ducale VigevanoViale Industria 225, VigevanoADULTI: dalle 8 alle 20 dal lunedì al sabatoBAMBINI: sabato dalle 8 alle 20
Centro vaccinale ASST – Auser VogheraVia Famiglia Cignoli 1, VogheraADULTI: dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 16 dal lunedì al venerdìSabato dalle 8 alle 14BAMBINI: sabato dalle 8 alle 20
Centro vaccinale Broni – Stradellac/o Palestra Primo Giauro di Piazza Italia – BroniDal mercoledì alla domenica dalle 14 alle 20
Centro vaccinale MedeVia Don Minzoni 4, Mede (AUSER)Dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19Sabato dalle 9 alle 12

COME FARE PER ALTRE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

  • è possibile accedere gratuitamente ai Centri vaccinali dell’ASST per le tutte le altre vaccinazioni, diverse dal COVID, previa prenotazione (consultabili al seguente link https://www.asst-pavia.it/node/12319) in particolare per i bambini, una volta ottenuto il codice STP o la tessera sanitaria provvisoria se minorenni o gravide

HO BISOGNO DI UN MEDICO O PEDIATRA: COME POSSO FARE?

  • I profughi ucraini con patologie acute che necessitano di assistenza sanitaria possono rivolgersi, direttamente e gratuitamente per essere visitati da qualunque medico del territorio e a tutti i punti di pronto soccorso sanitario
  • le donne in stato di gravidanza o con problematiche di tipo ginecologico possono accedere gratuitamente ai consultori familiari del territorio
  • per le sole emergenze/urgenze sanitarie è attivo il numero unico 112.
Top