logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
4

Movimento e Centro Aiuto alla Vita di Varese: DONNE E BAMBINI AL CENTRO LATTE E ...AMORE

Mpv e Cav Varese Logo

@Riproduzione Riservata

Promozione dell’allattamento al seno e corretta alimentazione nel 1 anno di vita

Corso 1: Promozione allattamento al seno
Corso 2: Introduzione alimenti diversi dal latte nel 1 anno di vita

promotore: MpV Italiano, Federvita Lombardia
destinatari: volontari/e CAV
Coordinatrice del corso: Francesca Benetollo
Responsabile- Lombardia progetto Donne e bambini al Centro: dr.ssa Donata Magnoni-CAV Varese
Data e ora: 27 novembre 2021, dalle 10 alle 12
Luogo: web e presenza presso la sede del Movimento e Centro Aiuto alla Vita di Varese in via
Dandolo 6 (con obbligo di green pass) in due sessioni:
1° sessione 10-11: Promozione allattamento al seno
2° sessione 11-12: Introduzione alimenti diversi dal latte nel 1 anno di vita


PRESENTAZIONE
I due corsi proposti fanno parte del Progetto Donne e Bambini al Centro. Si tratta di 2 corsi
collegati e conseguenti. Il primo si occupa dell’allattamento al seno, il secondo del cosiddetto
svezzamento. Per questo motivo abbiamo pensato a due corsi lo stesso giorno e uno successivo
all’altro.
L’allattamento prima e lo svezzamento poi sono due momenti delicati e molto importanti per la
mamma ed il bambino. La conoscenza di come affrontarli e gestirli possono aiutare la donna nella
consapevolezza e quindi nella sua autonomia aumentando il suo processo di crescita.
Cosa c’è di meglio per un neonato e di più naturale che nutrirsi del latte della mamma?
Allattare al seno è una pratica naturale, è raccomandato dall’OMS e dall’UNICEF, apporta tutte le
sostanze necessarie alla crescita e la sua particolare composizione garantisce importanti fattori
protettivi in grado di salvaguardare la salute futura, inoltre, è fondamentale per la salute della
mamma.
Il consumo del latte materno è privo di sprechi, pratico ed economico, senza costi di preparazione,
sempre disponibile e alla giusta temperatura, genuino, sicuro, inimitabile ed ecosostenibile.
Con queste premesse sarebbe naturale attendersi un’ampia adesione alla scelta di allattare il
proprio bambino da parte delle mamme per un tempo anche prolungato ma la realtà è meno
rosea: l'allattamento esclusivo è quello che non prevede aggiunte di alcun tipo, né latte artificiale
o altri alimenti, secondo l’Oms, andrebbe mantenuto per i primi sei mesi di vita del bambino, ma
spesso finisce decisamente prima. In Italia una donna su tre lo abbandona già prima del terzo
mese del bebè, mentre sono quasi due su tre quelle che non allattano più in modo esclusivo al
compimento del quinto. Anche la durata media dell'allattamento esclusivo (4,3 mesi al Nord
contro 3,9 al Sud) e la durata dell'allattamento (9,1 mesi al centro, contro 8,2 nel Sud), non è poi
così esaltante, considerato che sempre l'Oms lo raccomanda, ovviamente in associazione ad altri
alimenti, per due anni o anche più.
L’esperienza dei nostri CAV coincide con questi dati e anche in mamme di etnie che per tradizione
e cultura praticano nei paesi d’origine un allattamento prolungato, verifichiamo una precoce
introduzione di latte formulato, per le difficoltà che inevitabilmente si incontrano nell’iniziare e
mantenere l’allattamento, la mancanza di una rete parentale e amicale di sostegno e una certa
pressione consumistica.
Ogni mamma dovrebbe essere incoraggiata ad intraprendere questo percorso e a ricevere il
sostegno da parte di tutti: la famiglia, il pediatra, gli operatori sanitari, la comunità di
appartenenza e anche i media. Supportare le madri, assecondare, ovunque e con ogni mezzo,
l’allattamento al seno è fondamentale in un periodo della vita della donna di particolare
sensibilità, come quello post-parto.
Promozione, protezione e sostegno dell’allattamento materno sono, dunque, una priorità per la
salvaguardia della salute pubblica e la collaborazione tra tutti gli attori del sistema è fondamentale
per riuscire a raggiungere questo importantissimo obiettivo che si completa poi con una corretta
informazione sull’alimentazione nel primo anno di vita che getta le basi per le abitudini alimentari
degli anni successivi.


FINALITÀ
La finalità di questa iniziativa è quella di formare ed informare volontarie CAV e altri i soggetti
interessati perché accompagnino le mamme verso una scelta consapevole, senza però creare un
senso di frustrazione e inadeguatezza nelle donne che, per qualsiasi motivo, non possono allattare
al seno. Un servizio in collaborazione con Pediatri di famiglia e Consultori Familiari, che in linea con
le finalità dei CAV permetta di costruire gradualmente quella relazione personale di attenzione e
cura che resta il nostro obiettivo primario, favorendo il cammino di autonomia nella donna.
In sintesi:
-formare i volontari/formatori
-fornire un kit per poter a loro volta formare le madri
-dare loro i mezzi sui temi di allattamento e svezzamento per:
-aumentare la consapevolezza delle donne utenti
-far raggiungere l’autonomia alle donne


CONTENUTI
▪ Figure di riferimento del genitore
▪ Perché è importante allattare al seno
▪ Legame mamma-bambino
▪ I vantaggi per la madre e per il bambino
▪ Raccomandazioni da parte dell’OMS
▪ Consigli pratici per l’allattamento
▪ Le posizioni dell’allattamento
▪ Segnali che fanno capire che il bambino ha fame
▪ Il tiralatte
▪ Perché no il latte vaccino
• Lo svezzamento
• Quando e perché iniziare
• Preparazione del brodo vegetale
• Primi alimenti da introdurre
• Le tipologie di cottura
• L’importanza dell’igiene
• L’etichetta
• Allergie
• Celiachia
• Obesità in infanzia

Top