logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
63

Intelligenza è molto più di prendere buoni voti

da www.lamenteemeravigliosa.it
@Riproduzione Riservata del 11 febbraio 2023

Cos'è l'intelligenza? In che modo la definizione ci influenza quando si considerano alcune abilità spesso ignorate che aumentano o ostacolano in modo significativo la nostra capacità di adattamento? In questo articolo ve lo diciamo!.-

Quante volte avete pensato che senza un bel voto non sareste stati considerati intelligente? Nella cultura occidentale è diffusa la convinzione che i risultati siano strettamente legati al valore della persona, quando in altri luoghi, come l’Asia, è l’impegno ad occupare quel posto privilegiato che simboleggia l’intelligenza.

D’altra parte, il concetto di intelligenza non gode di un’unica definizione né è visto da tutti i ricercatori dalla stessa prospettiva. Ad esempio, Gardner ha sviluppato la teoria delle intelligenze multiple, evidenziando otto tipi di intelligenza: linguistica, logico-matematica, visivo-spaziale, musicale, corporea, intrapersonale, interpersonale e naturalistica. Per Gardner, queste tipologie sono presenti in ogni persona.

Secondo il suo approccio, non esiste un’unica intelligenza umana. Questa teoria ci permette di valutare, comprendere e stimolare il potenziale di ogni persona, al di là di quello che può misurare il famoso quoziente di intelligenza (QI).

Così, per esempio, siamo abituati al fatto che i bambini con una buona intelligenza linguistica e logico-matematica abbiano successo a scuola e che tutti i bambini studino allo stesso modo. Tuttavia, è giusto che i bambini siano tutti uguali?

Come ha sottolineato lo stesso Gardner, ciò che è importante non sono gli otto tipi di intelligenza da lui proposti, ma l’idea che non esista un’unica intelligenza, o meglio processi cognitivi indipendenti. D’altra parte, è probabile che ci siano più intelligenze di quante ne proponesse.

“Ero considerato da tutti i miei insegnanti e da mio padre un ragazzo abbastanza mediocre, piuttosto al di sotto del comune standard di intelletto”.

-Charles Darwin-

Quindi cosa intendiamo per intelligenza?

Per Gardner, abbiamo capacità specifiche ben delineate. Misurare l’intelligenza causa problemi e altro ancora quando non c’è ancora consenso per definirla. Nel 2007, Resing e Drenth hanno definito l’intelligenza come:

“L’insieme delle capacità cognitive o intellettuali necessarie per raggiungere la conoscenza e per usarla correttamente al fine di risolvere problemi che hanno un obiettivo e uno scopo ben descritti.”

D’altra parte, tendiamo a confondere la memoria con l’intelligenza. La memoria è un’altra capacità che abbiamo, in particolare per conservare le informazioni e recuperarle. Una persona può avere una grande intelligenza, ma essere quello che chiameremmo un vero all’oscuro.

Non esiste una singola intelligenza, ma molte. Lo psicologo Gardner ne ha identificati ben otto, ma è probabile che ce ne siano di più.

Cosa non consideriamo quando parliamo di intelligenza?

Conoscenza di sé, o ciò che si direbbe popolarmente come conoscere se stessi. Trascorreremo molto tempo con la persona di cui ci innamoriamo; tuttavia, non dovremmo spendere ancora di più con noi stessi? Quanto tempo, gentilezza e pazienza dedichiamo a conoscere gli altri e quanto tempo a noi stessi?

La conseguenza di questa conoscenza di sé si trasferisce allo sviluppo di autentici vantaggi adattivi, come l’empatia, le abilità sociali o l’autocontrollo per essere “intelligenti”.

C’è un deficit nella società in generale per comprendere i propri stati emotivi e quelli degli altri. Ma cosa intendiamo con questo? Alla nostra intelligenza emotiva, per comprendere le nostre emozioni e quelle degli altri.

Ma in cosa consiste questa intelligenza emotiva?

Goleman ha evidenziato cinque abilità all’interno dell’intelligenza emotiva: autoconsapevolezza, autoregolamentazione, motivazione, empatia e abilità sociali.

“Almeno l’80% del successo in età adulta deriva dall’intelligenza emotiva”.

-Daniel Goleman-

E le emozioni, sono importanti prima di qualsiasi apprendimento?

Come afferma la psicologa e scrittrice Begoña Ibarrola, l’apprendimento e l’intero processo cognitivo che avviene è un binomio in cui cognizione ed emozione vanno di pari passo. Prima si pensava che l’apprendimento coinvolgesse solo la cognizione umana, ma ora è noto che le emozioni giocano un ruolo tutto proprio.

Ad esempio, le emozioni influenzano la nostra memoria, rendendola più selettiva, sia per i ricordi positivi che per quelli negativi. Incontriamo molte persone nel corso della nostra vita, ma le ricordiamo tutte o solo quelle che hanno lasciato il segno? Per questo motivo è importante conoscere se stessi e identificare le proprie emozioni per poter essere “intelligenti” di fronte a qualsiasi forma di apprendimento che svolgiamo durante la nostra vita.

A questo punto, l’intelligenza è un concetto che va oltre l’ottenere buoni voti o avere un buon rendimento scolastico. Tutti possiamo sentirci intelligenti in una certa competizione, ma in molte occasioni non lo sappiamo, perché non concentriamo la nostra attenzione alla scoperta di noi stessi come persone.

Dobbiamo imparare a essere “intelligenti” per noi stessi e per le nostre relazioni in generale, non perché gli altri ci apprezzino.

“Conoscere se stessi è l’inizio di ogni forma di saggezza.”

-Aristotele-

Top