logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
7

Il caso. La donna che allatta e la lettera dei pediatri: «La maternità non sia un tabù»

di Costanza Oliva

da www.avvenire.it
@Riproduzione Riservata del 18 aprile 2024

Gli specialisti guidati dal direttore del Dipartimento di Pediatria dell'ospedale Buzzi, chiedono al sindaco che la statua sia valorizzata: «È un messaggio di vita ed è un messaggio per tutti».-

Image 57

Statua della donna che allatta il suo bambino - ANSA

«È un messaggio di vita», non di parte. Ed è un messaggio più che mai importante. I pediatri milanesi prendono posizione e difendono la statua raffigurante la donna che allatta il suo bambino al centro delle polemiche nei giorni scorsi. Capofila, il direttore del dipartimento di Pediatria dell’ospedale dei bambini Buzzi di Milano, Gian Vincenzo Zuccotti, che il testo ha deciso di inviare al sindaco di Milano Beppe Sala in persona, in questi giorni impegnato a decidere con la sua giunta dove collocare la statua.

L’opera in bronzo “Dal latte materno veniamo”, realizzata da Vera Omodeo, è presto stata rinominata la statua della discordia. I figli dell’artista avrebbero voluta donarla alla città di Milano affinché venisse esposta in una piazza intitolata a un’altra donna, Eleonora Duse. Ma la commissione tecnica di Palazzo Marino, che si occupa di valutare le opere d’arte da inserire negli spazi pubblici, ha bocciato la proposta all’unanimità perché «rappresenta valori certamente rispettabili ma non universalmente condivisibili da tutte le cittadine e i cittadini». Dichiarazioni che hanno suscitato polemiche sia nel Centrodestra che nel Pd, in maggioranza in Consiglio comunale.

I pediatri sottolineano nella lettera che «la maternità non può essere un tabù ed è la cosa più naturale che ci sia». Un messaggio chiaro indirizzato al sindaco Giuseppe Sala, che peraltro aveva dichiarato di essere rimasto in prima persona sorpreso dalle dichiarazioni della Commissione, alla quale avrebbe chiesto di riesaminare la decisione. La statua era poi stata “invitata” in Senato dal presidente Ignazio La Russa e alla Regione Lombardia dall'assessora alla Cultura Francesca Caruso.

Il gruppo di medici specialisti è convinto che «la proposta di esporre la statua di Vera Omodeo a Milano, nel contesto di un pubblico luogo, aperto a tutta la cittadinanza, come era stato inizialmente proposto, sia una idea valida, condivisibile e di grande significato civile specie in questo momento storico». La questione del luogo in cui collocare la statua è ancora aperta. Il sindaco Sala aveva fatto sapere, tramite il proprio profilo su X, che si stava valutando l’ipotesi di ospitarla nei giardini che circondano l’ospedale Mangiagalli. Il primo cittadino aveva sottolineato che si sarebbe trattato di un «gesto oltremodo simbolico, proprio in questo momento storico in cui la denatalità è uno dei problemi principali del nostro Paese».

Anche il tema della denatalità viene affrontato con forza nella lettera dei pediatri, che sottolinea come l'esposizione pubblica della statua sia proprio un’occasione per riparlare di maternità in questo periodo così difficile: «È un modo per sensibilizzare, per dare un ruolo centrale alla maternità, alla donna e anche all'allattamento». Ricordano anche il ruolo fondamentale dell’allattamento come prima fonte di protezione del neonato. I pediatri ritengono che «l'atto di allattare il proprio bambino, e renderlo visibile all'esterno può avere oggi un significato più grande: ci può fare riflettere sul valore complessivo della maternità, in un mondo nel quale i bambini sono sempre meno e la sensibilità su questo tema è sempre più appannata». Anche per questo, riprendono i medici nella loro lettera, «come pediatri milanesi, da sempre sensibili ai temi della maternità, della salute fisica e mentale del bambino e della sua famiglia, riteniamo che portare questo tema umanitario all'attenzione delle istituzioni cittadine e dei milanesi tutti sia non solo importante, ma doveroso». Il dottor Zuccotti e i suoi colleghi ci tengono a precisare: «Non si vuole affatto stigmatizzare chi non riesce ad allattare, perché ci sono alcune donne che purtroppo, per motivazioni pur molto contingentate, non possono farlo e non vanno certo fatte sentire inadeguate». Ma quella statua serve, e serve a tutti.

Top