logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
58

Giovani. Giulietti: «I ragazzi soli davanti all'affettività»

di Daniela Pozzoli

da www.avvenire.it
@Riproduzione Riservata del 15 febbraio 2022

«Cercano sui social le risposte su amore e sessualità, dove sono gli adulti?». Per san Valentino i fidanzati protagonisti delle iniziative nelle diocesi.-

«Se i ragazzi trovano le risposte ai loro dubbi sull’amore e la sessualità sui social, su Tik Tok e nelle serie tv, anziché dai genitori, dagli educatori in parrocchia o dagli insegnanti, allora dobbiamo domandarci dove noi adulti abbiamo sbagliato”. C’è preoccupazione nelle parole del vescovo di Lucca Paolo Giulietti («parlo soprattutto come don Paolo») quando dice che la mancata gestione dell’affettività nei ragazzi e nei giovani sia oggi una vera e propria “urgenza”. « Nella testa dei giovanissimi c’è una grande confusione originata da tutta questa fluidità che viene continuamente mostrata loro. In questa fase della crescita stanno ancora mettendo insieme i mattoncini della propria personalità e non hanno un’identità precisa. Così in questo periodo difficile che è l’adolescenza – prosegue Giulietti che è a capo della Commissione episcopale per la famiglia, i giovani e la vita – la latitanza del mondo adulto non li aiuta a comprendersi. Ci sono in giro ragazzi sempre più confusi, soli, disorientati sessualmente. Il gran numero di adolescenti che si sottopongono alla chirurgia estetica ci dice quanto poco accettino il proprio corpo. Nonostante questo, nessuno li ascolta, dice loro che c’è tempo per le scelte importanti, che non esiste l’amore senza assunzione di responsabilità».

Monsignor Giulietti ritiene che occorra intercettare le domande dei ragazzi addirittura prima dell’adolescenza: « La questione è aperta fin dalla quarta, quinta elementare», precisa con cognizione di causa, essendo spesso invitato nelle scuole della Toscana a parlare di questi temi. «Già dalla scuola primaria i bambini sono esposti a modelli di sessualità molto precoce e anticipata che non tiene conto delle emozioni, degli ideali e dei valori che invece caratterizzano un approccio sano all’affettività». La risposta deve arrivare secondo il vescovo dal “villaggio educante”, dove nessun adulto è escluso: «Sbagliamo se pensiamo che i genitori siano in grado di gestire da soli il cellulare dei propri figli o di vigilare sui contenuti dei social. Siamo tutti coinvolti nell’educazione, dobbiamo cominciare a parlare con i ragazzi senza pensare che ci sarà “qualcun altro” che lo farà al posto nostro. Anche il mondo ecclesiale deve rendersi conto che non è possibile educare alla fede facendo finta che i ragazzi non vivano in questa realtà”». Prende così forma fin dalle prime tappe della vita, spiega Giulietti, «l’idea di un’affettività non stabile che inciderà per forza, una volta diventati adulti, sulla progettualità di coppia, sia che la si viva dentro o fuori da un discorso di fede. Invece è da ragazzi che vanno gettate le basi di un approccio integralmente umano, prima ancora che cristiano, alla dimensione affettiva della vita ». Per Giulietti va cambiata anche l’impostazione tradizionale dei corsi di preparazione al matrimonio. «Per questo – spiega - sia il quarto capitolo di Amoris laetitia, l’esortazione apostolica sull’amore nella famiglia, che il documento sul catecumenato prematrimoniale nato dal testo del Papa, ci possono aiutare».

E con un gesto concreto il vescovo di Lucca vuole far sentire la propria vicinanza ai fidanzati della diocesi: «Venerdì, anche se con qualche giorno di ritardo rispetto a San Valentino, ci sarà una cena dove oltre al buon cibo e alla musica, chi vorrà potrà offrire una testimonianza del proprio cammino di coppia».

Top