logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
21

Giornate Fai d’autunno: in Lombardia aperti 97 luoghi, tra ville e caserme

da www.laprpvinciapavese.gelocal.it
@Riproduzione Riservata del 07 ottobre 2021

L’iniziativa è in programma sabato 16 e domenica 17 ottobre, ecco i luoghi prescelti per la provincia di Pavia.-

MILANO. Da Villa Falck all'archivio Negroni, da Palazzo Cusani ai rifugi antiaerei della fabbrica Innocenti, fino al velodromo Vigorelli e al Mumac, il museo della macchina per caffè. Sono alcuni dei 97 luoghi, dislocati in 41 comuni della Lombardia, di solito inaccessibili, che saranno aperti al pubblico in occasione delle giornate del Fai d'autunno, il prossimo 16 e 17 ottobre.

Del ricco elenco di questa edizione, in cui ci sono anche 6 luoghi del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle Forze Armate, aperti in occasione del centenario del Milite Ignoto, ha parlato il Presidente del Fai Lombardia Andrea Rurale, che è anche docente della Bocconi. Proprio il nuovo campus, che ha ospitato la conferenza stampa di presentazione, entra a far parte dei luoghi visitabili, con i suoi 90 mila mq, di cui un terzo e verde. E i 340 mila mq di immobili. Come impongono i tempi, e' indispensabile la prenotazione (sul sito www.giornatefai.it) e si potrà accedere solo esibendo il Green pass.

Il catalogo dei luoghi visitabili è, come di consueto, amplissimo così come tantissime sono le tipologie rappresentate: dai complessi religiosi ai palazzi, dai castelli alle aree archeologiche, dai piccoli musei ai parchi e giardini storici, e ancora borghi, aree naturalistiche, luoghi produttivi e molto altro. Tutti i visitatori potranno sostenere il Fai con un piccolo contributo, non obbligatorio, di 3 euro. «Lo scopo del Fai - come ha ricordato Barbara Pasolini, delegata regionale del Fai Lombardia - è conservare e tutelare il patrimonio artistico italiano. Non ci può essere cultura senza valorizzazione culturale. I beni aperti servono proprio per far visitare luoghi di solito non accessibili al pubblico».

In provincia di Pavia saranno aperti il castello di Lardirago, gli edifici razionalisti progettati da Giovanni Rota a Vigevano, il borgo agricolo e il castello di Oliva Gessi. A Binasco saranno aperti il castello e il Mumac, il museo della macchina per caffè del gruppo Cimbali.

Top