logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
16

Diocesi di Tortona: Riapre il dormitorio di “Matteo 25”

di Michela Simoni

da www.diocesitortona.it
@Riproduzione Riservata del 21 ottobre 2022

Il vescovo saluta gli ospiti del “Sartirana”.-

TORTONA - Lunedì scorso il dormitorio “Massimo Sartirana”, gestito dall’associazione “Matteo 25”, ha ricominciato il suo servizio aprendo le porte alle persone bisognose di un letto dove poter riposare. La prima sera è sempre molto emozionante per tutti i volontari che, insieme alla presidente Laura Cebrelli, sono pieni di euforia per la ripresa dell’attività e di voglia di fare. Controllano che sia tutto a posto, che i letti siano pronti, che ci siano brioches e biscotti per la colazione della mattina e che non manchi nulla nè materialmente nè interiormente, in modo da poter accogliere nel modo migliore le persone che si presentano alla porta.

Quest’anno la riapertura è stata particolarmente emozionante grazie alla visita del vescovo Mons. Guido Marini che, puntuale alle ore 21, è accompagnato dal segretario don Paolo Padrini. Erano presenti anche il parroco del Duomo don Claudio Baldi e il presidente della Casa di Accoglienza Eugenio Presciutti.
È stato un momento di incontro autentico durante il quale il Pastore diocesano ha voluto conoscere personalmente gli ospiti e offrire a ognuno di loro parole di conforto e di amicizia. Anche ai volontari ha rivolto espressioni di incoraggiamento per il prezioso servizio di accoglienza del “Cristo” spogliato, affamato, assetato incarnato da chi bussa alla porta della struttura.

«Siamo infinitamente grati al vescovo – dichiarano i volontari – che proprio nel giorno del primo anniversario della sua ordinazione episcopale è venuto nuovamente a trovarci e ha associato la nostra accoglienza a quella di Madre Teresa di Calcutta, nella quale traspariva l’amore per gli ultimi nel nome di Dio che è amore». Mons. Marini ha poi augurato che nel servizio possa essere sempre evidente l’amore per chi è fragile e abbandonato.
Al termine il cammino annuale è stato affidato alla protezione della Madonna.

Top