logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
34

Dieta mediterranea alleata delle donne in gravidanzaD

di Roberta Camisasca
da www.bimbisaniebelli.it
@Riproduzione Riservata del 05 settembre 2019
Non esiste modello alimentare migliore della dieta mediterranea da seguire per tutta la gravidanza: ecco perché fa così bene.-

La dieta mediterranea è un alleato della salute anche durante la gravidanza: potrebbe ridurre il rischio di ingrassare troppo e di sviluppare il diabete gestazionale, una complicanza metabolica della gravidanza che può avere ricadute su mamma e bambino. Lo suggeriscono i risultati di un progetto di ricerca della Queen Mary University of London resi noti sulla rivista Plos Medicine.

Meno chili e diabete

La ricerca ha coinvolto 1252 gestanti con fattori di rischio metabolici. A 627 è stata assegnata una dieta mediterranea basata sul consumo quotidiano di frutta e verdura, frutta seccaolio extravergine, cereali integrali e legumi, consumo regolare di pesce, poca carne, specie quella rossa e lavorata. Le restanti 625, invece, hanno solo ricevuto raccomandazioni dietetiche generali secondo le linee guida britanniche. A fine gravidanza le donne del primo gruppo avevano preso mediamente solo 6,8 chili contro gli 8,3 chili in media presi dalle gestanti del gruppo di controllo. Inoltre per le donne che hanno seguito la dieta mediterranea il rischio di sviluppare il diabete in gravidanza è risultato del 35% inferiore.

Effetti da approfondire

I risultati dello studio evidenziano l’opportunità di applicare un simile intervento dietetico su tutte le donne all’inizio della gravidanza. Quello che rimane da capire è se il beneficio perduri nel tempo e determini una riduzione del rischio per la donna di ammalarsi di diabete in età più avanzata. Studi futuri dovranno verificare anche il beneficio a lungo termine dell’esposizione del bambino in utero a questo modello alimentare, per esempio sul rischio di obesità infantile, allergie e asma, concludono gli autori dello studio.

Top