logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
34

Compiti delle vacanze: ecco come organizzarsi

di Alessia Altavilla
da www.bambinopoli.it
@Riproduzione Riservata del 07 luglio 2019
 
A quasi tre settimane dalla chiusura della scuola, è tempo di iniziare a mettere mano ai compiti delle vacanze. Ecco alcuni consigli per organizzarsi e non ridursi all'ultimo minuto.-

Se giugno dovrebbe essere il mese del riposo dopo la fine della scuola, un mese di completo svago durante il quale sentirsi liberi dalla fatica dei compiti, dal peso della cartella e dalla noia degli orari obbligati, a luglio diventa necessario ristabilire delle regole e imporre una routine non solo per non perdere tutto il lavoro fatto durante l'anno, ma anche per insegnare al bambino il senso del dovere e delle responsabilità.


Come aiutarlo, dunque, a svolgere i compiti delle vacanze in modo che questo momento non diventi di lotta e contrasto per tutti?

  1. UN IMPEGNO QUOTIDIANO
    Affinché lo svolgimento dei compiti non diventi una corsa dell'ultimo minuto a settembre, a scuola praticamente al via, è necessario che da luglio in avanti il bimbo vi si applichi con costanza tutti i giorni della settimana (esclusi sabato e domenica). In questo modo l'impegno sarà costante e continuativo e utile per tenere allenati metodo e memoria.
  2. OROLOGIO ALLA MANO: MEZZ'ORA AL GIORNO È PIÙ CHE SUFFICIENTE
    Se l'impegno è costante e quotidiano, mezz'ora al giorno è più che sufficiente per arrivare preparati a settembre senza corse e affanni. Procuratevi una grossa sveglia e impostate un timer. Spiegate al piccolo che il tempo che dovrà dedicare a questa attività è limitato e abituatelo a una routine costante.
  3. CONCENTRAZIONE ED EFFICIENZA
    Durante lo svolgimento dei compiti non dovranno esserci distrazioni: spegnete la televisione, allontanate fratellini e cuginetti, togliete di mezzo i giocattoli. Per mezz'ora dovranno esistere solo i libri e i quaderni. È fondamentale insegnare e abituare il bambino a questo isolamento, non tanto per il completamento rapido degli esercizi, ma soprattutto perché questo gli insegna a concentrarsi e a ottimizzare al meglio il tempo, dedicandosi a un'attività alla volta. Questo insegnamento è prezioso per la vita futura.
  4. SCEGLIETE UN MOMENTO PRECISO DELLA GIORNATA
    Quasi si trattasse di un'attività sportiva che viene praticata in un giorno preciso della giornata, fate scegliere al piccolo il momento della giornata in cui preferisce svolgere gli esercizi e bloccate questo slot: la mattina dopo la colazione, il pomeriggio subito dopo pranzo, al ritorno dalla spiaggia o dalle attività del pomeriggio... Quando volete. Ma fate in modo che davvero ci sia un momento della giornata in cui il bambino sa che dovrà dedicarsi ai compiti.
Top