logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
54

Chiesa di Milano: Diritti delle persone con disabilità, stiamo facendo davvero abbastanza?

Image 71

di Don Mauro Santoro, Responsabile Consulta diocesana Comunità cristiana e disabilità – O tutti o nessuno

da www.chiesadimilano.it
@Riproduzione Riservata del 20 novembre 2023

Si moltiplicano le iniziative di sensibilizzazione, ma la realtà parla ancora di casi di emarginazione e isolamento. Allora la Giornata internazionale promossa dall’Onu (3 dicembre) può essere un trampolino di lancio per rafforzare i processi d’inclusione, anche dentro la Chiesa.-

Image 72

Dignità, rispetto, diritti, benessere, partecipazione, integrazione, inclusione nei processi di sviluppo, pari opportunità, parità… Come sono belli i vocaboli che s’intrecciano nei commenti riguardanti la Giornata Internazionale delle Persone con disabilità, istituita nel 1981 dall’Onu per il 3 dicembre, per sensibilizzare la popolazione sul tema della diversità e del suo valore, dei diritti inalienabili di ogni essere umano, indipendentemente dalla condizione fisica, psichica, sensoriale, sociale.

Anche quest’anno celebriamo questa importante Giornata e per l’ennesima volta sentiamo parlare con convinzione di superamento delle barriere architettoniche, fisiche, sensoriali, cognitive, culturali e religiose, di abbandono di ogni forma di discriminazione e di esclusione, della necessaria costruzione di un mondo accessibile a tutti. E si moltiplicano gli incontri, i convegni, i forum, le discussioni pubbliche, le campagne d’informazione, le manifestazioni sportive, gli spettacoli e le iniziative scolastiche. Volteggiano dovunque parole e frasi colorate, brillanti di luce propria, che per il fatto stesso di essere pronunciate ci fanno stare meglio: «Si sta facendo molto ormai, finalmente si cambia», ci troviamo a pensare con fiducia.

Un’analisi realistica

Tutto questo è indubbiamente molto bello, ma c’è qualcosa che non torna. Proviamo a pensare alla questione in modo realistico, liberandoci dal bisogno di illuderci, che spesso ci assedia. Questa Giornata viene celebrata da più di quarant’anni: un tempo abbastanza lungo. A questo punto dovrebbe essere cambiato tutto, anzi non dovremmo nemmeno più sentire il bisogno di celebrare una Giornata come questa. Invece ancora oggi capita di raccogliere continuamente storie inzuppate di dolore, che mostrano le piaghe aperte dell’emarginazione e della solitudine. Basti sottolineare ciò che tutti già sanno: non è sufficiente parlare di diritti perché i diritti siano riconosciuti e non basta una giornata all’anno in cui cercare di svegliare coscienze che si riaddormenteranno subito dopo.

Una mentalità da cambiare

È lo sguardo che deve cambiare. La Consulta diocesana lo grida con forza fin dal primo momento della sua fondazione, quando ancora faceva parte del Servizio per la catechesi ed era formata da sei persone. Ma lo sguardo, cioè la mentalità, il punto prospettico da cui guardare la realtà, quel modo di pensare che esige di tradursi in opere e vita, cambierà soltanto se tutto il nostro territorio, religioso e civile, verrà percorso e ripercorso dall’acqua vitale di una formazione mirata, attiva perché laboratoriale, continua e costante. È ciò che la Consulta ha incominciato ad attuare e si propone di continuare, mettendosi al servizio dei sacerdoti, delle consacrate e dei consacrati, degli operatori pastorali e delle famiglie delle nostre parrocchie.

In tal senso, anche la Giornata del 3 dicembre potrebbe costituire una buona occasione, nella misura in cui non rimanga però finalizzata a se stessa, ma costituisca un trampolino di lancio per avviare e rafforzare processi, anche lenti e faticosi, ma inesorabili, che alimentino nel cuore di tanti il desiderio di plasmare un volto di Chiesa che sia realmente sinodale e pertanto inevitabilmente capace di accogliere e ascoltare tutti e di far sentire ognuno parte insostituibile dell’unico corpo ecclesiale e della società civile.

Le proposte per l’animazione – sia della celebrazione eucaristica, sia del resto della giornata – nate dalla collaborazione tra la Consulta e la Fom (presentate nel box sotto) – vogliono contribuire a riempire le nostre parrocchie del calore dell’inclusione, in modo che, contagiandoci reciprocamente, possiamo diventare generatori di scintille che creeranno incendi. E così, insieme, scalderemo il mondo.

Per animare la Giornata

Nell’ambito dell’Avvento della Fom sono previste anche alcune iniziative per l’animazione della Giornata internazionale delle Persone con disabilità del 3 dicembre, e in particolare per l’animazione della Messa, illustrate in un apposito allegato (clicca qui).
Saranno poi resi disponibili due video in LIS (uno presenta l’animazione della Giornata, l’altro del Padre Nostro) e un ulteriore allegato con la scritta in grande del Padre Nostro.
Inoltre, nel Calendario Fom dell’Avvento, le caselle del 3 e del 4 dicembre sono dedicate all’inclusione, mentre nella App «Attraverso» (scaricabile sul cellulare e destinata agli educatori di adolescenti e pre-adolescenti), nella sezione «il vangelo» che contiene i commenti al Vangelo, la settimana dal 27 novembre al 3 dicembre è stata curata da un gruppo di persone con disabilità di Anffas NordMilano.
Infine, si segnala che giovedì 30 novembre, alle 21, nella parrocchia di San Gregorio Magno a Milano, l’Orchestra sinfonica Esagramma terrà un concerto in collaborazione con la Consulta diocesana Comunità cristiana e disabilità (vedi qui la locandina).

Top