logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
149

Bonus figli 2023 2024: elenco aggiornato di tutte le agevolazioni

da www.ticonsiglio.it
@Riproduzione Riservata del 23 ottobre 2023

Quali sono i bonus figli 2023 2024, ovvero tutti gli aiuti e le agevolazioni per le famiglie con figli a carico.-

Image 74

Quali sono i bonus per i figli nel 2023 e nel 2024? Per le famiglie con figli a carico vi sono tanti aiuti e agevolazioni che si possono richiedere fino al 31 dicembre 2023 o dal prossimo anno.

Lo Stato rende disponibili aiuti economici e sussidi che coprono tutto il periodo di crescita dei figli, dalla gravidanza e nascita, fino alla frequenza della scuola e dell’università. Le famiglie con bambini possono ottenere supporti concreti alla genitorialità e per garantire il mantenimento della prole, aiuti potenziati anche dalla Legge di Bilancio 2024.

In questa guida vi illustriamo nel dettaglio quali bonus figli sono attivi e disponibili nel 2023, come richiederli e a chi spettano. Vi diamo anche anticipazioni sui bonus in arrivo nel 2024.

Indice:

QUALI SONO I BONUS FIGLI 2023 2024

La Legge di Bilancio 2023 prevedeva numerosi aiuti, agevolazioni e bonus dedicati a chi ha bambini a carico. E tra le novità sulla Legge di Bilancio 2024 è già stato annunciato un pacchetto famiglia che è destinato a implementare alcune misure ancora di più dal prossimo 1° gennaio 2024. Dai sostegni per le scuole, fino a supporti alla genitorialità o a quelli per i primi anni di vita, si tratta di assistenza concreta per le famiglie.

Vediamo quali sono i bonus per i figli attivi nel 2023 e quelli definiti, per ora, per il 2024.

1) ASSEGNO UNICO UNIVERSALE

La misura per eccellenza per le famiglie è l’Assegno Unico Universale Figli, il sussidio economico riconosciuto a chi ha figli, erogato dal 7° mese di gravidanza fino al 21° anno di età del figlio a carico, potenziato dal 2023 a più riprese. Nei casi di figli maggiorenni, questo “bonus figli fino a 21 anni”, spetta se i figli sono a carico e poi, dopo il 21° anno nelle stesse condizioni, si ha diritto alle detrazioni figli a carico.
Nel 2024, con le novità sulla Legge di Bilancio 2024, vengono confermate tutte le maggiorazioni assegno unico figli previste dalla scorsa Manovra. Per maggiori dettagli sul valore di questo bonus per i figli, vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento sull’Assegno Unico Universale figli.

2) BONUS ASILO NIDO POTENZIATO

Tra i bonus figli citiamo anche il bonus silo nido in vigore per l’anno scolastico 2023 e modificato dal prossimo anno con le novità sulla Legge di Bilancio 2024. Ecco le novità:

  • nel 2023 e nel 2024 sia le famiglie con figli di età fino a 3 anni possono richiedere l’aiuto economico ottenendo un contributo massimo di 3.000 euro all’anno per sostenere le rette degli asili nido o di servizi di assistenza domiciliare per minori con patologie. Gli importi variano in base all’ISEE. In questa guida sul bonus nido vi spieghiamo come funziona e come richiederlo;

  • nel 2024 si aggiunge l’asilo nido gratis dal secondo figlio in poi. In sostanza, a partire dal 1° gennaio, il Bonus Nido sarà potenziato grazie alle novità della Legge di Bilancio 2024, consentendo l’accesso gratuito agli asili nido a partire dal secondo figlio.

3) CONTRIBUTI PER LIBRI SCOLASTICI

Ad aiutare le famiglie contro il rialzo annunciato per il costo dei libri scolastici, arrivano dalle Regioni italiane, anche i bonus libri di scuola 2023 2024. Il bonus libri scuola è un aiuto erogato sotto forma di contributo economico, voucher o agevolazione per le famiglie che devono sostenere i costi per l’acquisto dei testi scolastici di loro figli. Il contributo ha un importo variabile e per capire come funziona bisogna rivolgersi alla propria Regione o al Comune di residenza. Per tutti i dettagli rimandiamo alla guida sul bonus libri scuola 2023 2024.

4) BONUS UNIVERSITÀ

Tra i bonus per figli attivi nel 2023 e nel 2024 c’è anche l’esonero totale dal pagamento del contributo omnicomprensivo annuo per gli studenti universitari (il contributo per l’iscrizione). Introdotto dal Decreto del Ministro dell’università e della ricerca del 3 agosto 2021, n. 1014 a decorrere dall’anno scolastico 2021 2022, è rivolto agli studenti appartenenti ad un nucleo familiare con ISEE non superiore a 22.000 euro. Previsto anche l’esonero parziale a beneficio degli studenti in nuclei con ISEE superiore a 22.000 ma non eccedente i 30.000 euro. La misura viene graduata in maniera decrescente dall’80 al 10% della riduzione in base alla fascia ISEE definita nel Decreto. Per sapere nel dettaglio come funziona e come richiederlo mettiamo a disposizione la nostra guida aggiornata.

5) AGEVOLAZIONI E DETRAZIONI MODELLO 730

Per i figli sono attivi anche i tanti bonus modello 730 – 2023 che è stato possibile inserire nella dichiarazione dei redditi da presentare all’Agenzia delle Entrate. Ad esempio, la detrazione per l’affitto degli studenti fuori sede nel limite totale di 2.633 euro, il tax credit istituito per lo svolgimento di attività fisica adattata (AFA). Questa detrazione di affianca a quella per l’attività fisica dei figli per cui l’importo massimo detraibile è pari a 210 euro per ciascun ragazzo, da ripartire tra i genitori, su cui trovate maggiori informazioni in questa guida. Poi, nel modello 730 2023 è prevista una detrazione pari al 19% delle spese scolastiche sostenute, sia per scuole pubbliche sia per scuole paritarie private. L’importo massimo detraibile è pari a 800 euro per ciascun alunno.

Valgono anche le spese per la frequenza all’università, quelle per l’asilo nido o per i trasporti scolastici, nonché le spese sostenute per le gite scolastiche o la frequenza alle scuole di musica. Ovvero, il cosiddetto bonus musica fino a 1.000 euro. Le stesse detrazioni saranno confermate anche nel 2024, insieme alle novità della Legge di Bilancio 2024 e agli altri sgravi inseriti nella riforma fiscale 2024 o nella riforma IRPEF 2024.

6) CARTA DELLA CULTURA FAMIGLIE SVANTAGGIATE

Nel 2023 e anche nel 2024 è disponibile la Carta della Cultura famiglie svantaggiate, anche se non ancora operativa. Questa card realizzata in formato elettronico è dedicata alle famiglie con figli, con ISEE sotto i 15.000 euro, ha un valore di 100 euro e permetterà di acquistare libri, servizi e prodotti digitali entro un anno dal suo rilascio.

Per sapere nel dettaglio cos’è e quando sarà attivata vi consigliamo il nostro focus sulla Carta della Cultura per le famiglie svantaggiate, sempre aggiornato.

7) AIUTI PER LA GENITORIALITÀ

Dal 2022 a oggi, sono arrivate molte novità in fatto di sostegno per le famiglie che hanno figli con i cosiddetti “aiuti per la genitorialità”. Tra questi ricordiamo il congedo parentale. Stiamo parlando del periodo di astensione dal lavoro facoltativo concesso ai genitori (madre e padre) per prendersi cura del bambino nei suoi primi anni di vita.

Tale congedo è stato potenziato con le novità della Legge di Bilancio 2024, dopo le modifiche già apportate nel 2023. Il congedo parentale è una scelta libera (ecco perché si parla di congedo facoltativo, a differenza del congedo di maternità obbligatoria o del congedo di paternità per la nascita del figlio, che sono obbligatori) e per un periodo indennizzata dall’INPS. Poi, sono attivi anche l’assegno di maternità dello Stato, l’assegno maternità Comuni, la tutela per la maternità per i lavoratori dello spettacolo, nonché l’indennità di maternità e paternità per autonomi e liberi professionisti.

Non dimentichiamo che è attivo anche il congedo di paternità alternativo che consiste nell’astensione dal lavoro del padre, in alternativa al congedo di maternità obbligatoria ed è fruibile solo al verificarsi di specifiche condizioni ed eventi gravi, come spiegato in questa guida dedicata. Tutte queste misure, vale la pena chiarirlo, sono confermate per il 2024.

8) REDDITO DI CITTADINANZA E ADI

Fino al 31 dicembre 2023 possono ottenere il Reddito di Cittadinanza i nuclei familiari in cui sono presenti figli minori (o persone con disabilità, di età pari o superiore ai 60 anni oppure con prese in carico dai servizi sociali), fermo restando il limite di 7 mesi complessivi di fruizione in corso d’anno. Per sapere come funziona, vi rimandiamo al nostro articolo che spiega come funziona la fase transitoria del reddito di cittadinanza.

L’accesso al RdC nel 2023 è aperto a coloro che hanno un ISEE, in corso di validità, inferiore a 9.360 euro l’anno. Dal 1° gennaio 2024 la misura viene abolita e lascia il posto all’Assegno di inclusione, ma nel frattempo valgono le regole che vi spieghiamo nel focus su chi riceverà il reddito di cittadinanza fino a dicembre, dove vi illustriamo tutti i passaggi.

9) ESENZIONE PAGAMENTO TICKET SANITARIO

Possiamo aggiungere ai bonus figli anche il diritto all’esenzione del ticket sanitario. Infatti, tale esenzione può essere chiesta in base a determinate soglie di reddito che corrispondono a ISEE molto bassi.

La misura – tra gli altri casi – può essere richiesta per bambini di età inferiore a 6 anni e in presenza di un reddito familiare inferiore a 36.151,98 euro annui lordi, nonché da persone con più di 65 anni di età, con reddito familiare complessivo massimo di 36.151,98 euro annui lordi annui. La misura, in quanto strutturale, è confermata anche nel 2024.

10) CARTA ACQUISTI

Nel 2023  nel 2024 rientra tra i bonus figli anche la Carta Acquisti che è accessibile a chi ha ISEE al di sotto dei 15.000 euro. SI tratta della carta di pagamento elettronica, prepagata ricaricabile e gratuita del valore di 40 euro mensili, ricaricata ogni 2 mesi con un accredito di 80 euro. Vale, tra gli altri casi, per i genitori di un bambino minore di 3 anni entro specifici limiti di reddito e ISEE. Se volete conoscerei dettagli vi consigliamo di consultare il nostro focus dedicato.

11) BONUS 3.000 o 2.000 EURO DIPENDENTI FIGLI A CARICO

Dal 2023 è attiva una misura indirettamente a favore di chi ha figli. È il bonus 3 mila euro ai dipendenti con figli a carico. Si tratta di un aiuto per i dipendenti che hanno almeno un figlio elargito sotto forma di fringe benefit.

Ricordiamo che il Decreto lavoro convertito in Legge aveva innalzato fino a 3.000 euro il limite entro il quale è possibile riconoscere ai dipendenti con figli, beni e servizi esenti da imposte (prima pari a 258,23 euro) fino al 31 dicembre 2023.

In questa guida vi spieghiamo come funziona il bonus 3 mila euro ai dipendenti con figli a carico. Invece, dal 2024 la misura cambia e gli aumenti fringe benefit per chi ha figli passano a 2.000 euro, mentre il limite di esenzione da 258,23 euro passa a 1.000 euro per tutti. Se volete maggiori dettagli su cosa prevedono le novità della Legge di Bilancio 2024, vi consigliamo di leggere questo approfondimento.

12) BONUS TRASPORTI

Dopo il rifinanziamento della misura fino a fine 2023 e per i primi mesi del 2024, tra gli aiuti per chi ha figli, vi è anche il bonus trasporti 2024.

Parliamo del voucher da 60 euro mensili per studenti e lavoratori viene riconosciuto solo a chi ha un reddito uguale o inferiore ai 20.000 euro (prima era 35.000) ed è valido come rimborso per i costi di abbonamento a mezzi di trasporto pubblico.

Ha avuto un grande successo per i ragazzi e studenti delle superiori o universitari che si devono spostare con i mezzi per recarsi a scuola. Sarà attivato un click day ogni mese fino a dicembre 2023, per assegnare i fondi residui. In questa pagina vi spieghiamo come funziona quello di novembre 2023.

13) BONUS PANNOLINI E PRODOTTI INFANZIA

Con la Legge di Bilancio 2023 è arrivato anche un altro aiuto per chi ha figli, il bonus IVA al 5% per pannolini e altri prodotti per andare incontro alle esigenze delle famiglie e fronteggiare il caro prezzi. Ricordiamo che prima l’IVA era al 10%.

Questo è un aiuto importante per i genitori perché copre oltre ai pannolini anche prodotti per l’infanzia come latte in polvere o liquido, preparazioni alimentari per bambini, seggiolini per bambini da installare in auto. Si applica direttamente su questi prodotti. La misura non è stata prorogata dalla Legge di Bilancio 2024, almeno non finora. Per tutti i dettagli e su eventuali novità rimandiamo all’approfondimento specifico su iva, assorbenti e pannolini.

14) BONUS MAMME IN BUSTA PAGA

Previsto tra le novità della Legge di Bilancio 2024, arriva il bonus mamme 2024, ossia un aiuto per le lavoratrici madri, le quali vengono esentate dal pagamento dei contributi previdenziali a loro carico. Parliamo dei contributi IVS per le dipendenti del settore privato e del contributo FAP per le dipendenti della Pubblica Amministrazione (PA).

Questa esenzione, che ammonta a circa il 9,19%, verrà coperta direttamente dallo Stato, con conseguenti rialzi dello stipendio netto in busta paga. Vale nel caso di lavoratrici madri con almeno due figli e in possesso di specifici requisiti. Operativa dal 2024, la misura potrebbe essere una svolta in fatto di conciliazione vita lavoro e darebbe serie aumenti in busta paga alle donne con figli.

15) REDDITO DI INFANZIA

Al vaglio del Parlamento, dopo la bozza di Manovra 2024 approvata dal Governo Meloni, vi è un nuovo aiuto per la famiglia, ovvero il cosiddetto “Reddito di Infanzia”. Potrebbe essere inserito come emendamento in Legge di Bilancio dal 2024.

Si tratta di un aiuto pari a 400 euro al mese per i primi 6 anni di vita per ogni figlio minore a carico. È dedicato alle coppie con un reddito fino a 90.000 euro annui. Vi aggiorneremo se la misura, inizialmente prevista nella Pdl n. 1019 depositata alla Camera il 17 marzo 2023 dal Deputato di Fratelli d’Italia, Tommaso Foti, sarà attivata.

16) BONUS CICOGNA

Per il 2023 e il 2024 è attivo anche il bonus cicogna. L’INPS ha pubblicato il bando di concorso riservato a bambini nati o adottati nel corso dell’anno 2022 o 2023. Si tratta di un contributo economico di 500 euro erogato a favore dei figli di dipendenti o ex dipendenti di Poste Italiane o dell’ex-IPOST. In questo approfondimento vi spieghiamo come fare domanda ed ottenere il Bonus Cicogna INPS per i dipendenti Poste.

LA GUIDA AI BONUS FAMIGLIA 2023 2024

Vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento su quali sono i bonus famiglia attivi nel 2023 e quali sono, invece, i bonus con ISEE 2023. A vostra disposizione anche la guida con l’elenco aggiornato di tutti i bonus ISEE spettanti sotto i 15.000 euro. Da leggere, anche l’articolo aggiornato con tutti i bonus studenti scuola e università .

Top