logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
80

Bonus badanti 2022, rimborso fino al 60% delle spese dalla Regione. Domande dal 4 ottobre

di Federica Antignano

da www.trend-online.com
@Riproduzione Riservata del 04 ottobre 2022

Bonus badanti, dal 4 ottobre 2022, sarà possibile presentare domanda per accedere al rimborso fino al 60% delle spese sostenute per la retribuzione dell’assistente familiare. La domanda va presentata in forma telematica.-

Bonus badanti, da domani, 4 ottobre 2022, sarà possibile presentare domanda per accedere al rimborso fino al 60% delle spese sostenute per la retribuzione dell’assistente familiare. 

Le misure che hanno l’obiettivo di fornire un sostegno concreto per chi si prende cura di un congiunto non autosufficiente sono diverse in Italia. A quelle che possono essere richieste da tutti i cittadini (in possesso dei requisiti) su tutto il territorio nazionale si aggiungono, poi, quelle messe in campo da Regioni e Comuni. 

Grazie a interventi di questo tipo, la persona assistita oppure un familiare (anche non convivente) ha diritto a ottenere un rimborso per le spese sostenute per retribuire i lavoratori addetti all’assistenza di anziani, malati o disabili. 

Perché sia possibile presentare richiesta è necessario possedere i requisiti indicati nel bando regionale. Tra questi, il richiedente dovrà tenere conto del valore dell’ISEE, dal quale dipende anche l’entità del contributo. 

Bonus badanti 2022, dove e come richiederlo dal 4 ottobre 

Diverse sono le Regioni che stanno aprendo nuovi avvisi per la richiesta dei bonus badanti, offrendo ai cittadini più fragili maggiori garanzie, specialmente in questo momento di forti rincari per le utenze così come per la spesa alimentare. 

Ad annunciare il via del bonus badanti per i cittadini residenti nella Regione Lombardia è l’assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli, che informa sulla possibilità di presentare richiesta già a partire da domani, 4 ottobre. 

A richiedere il contributo, sotto forma di rimborso, potrà essere tanto la persona assistita quanto un familiare, anche qualora quest’ultimo non sia convivente. In ogni caso, chi fa richiesta per il bonus deve avere la residenza in Lombardia da almeno 5 anni. 

Inoltre, la persona assistita o il familiare richiedente devono aver sottoscritto un contratto che deve essere, alla data di presentazione della domanda, regolarmente registrato e in corso di validità, con un assistente familiare iscritto in uno o più registri territoriali presenti presso gli Ambiti Territoriali. 

Non si tratta, però, degli unici requisiti richiesti per accedere al contributo. È fondamentale, infatti, essere in possesso di una certificazione ISEE entro determinate soglie. 

Leggi anche: Bonus badanti, 500€ al mese per chi fa domanda 

Bonus badanti 2022 con ISEE inferiore a 35.000 euro: quale ISEE presentare

In linea generale, a poter richiedere il bonus badanti della Regione Lombardia sono i cittadini che hanno un ISEE che non supera i 35.000 euro. 

Come vedremo, l’ISEE è fondamentale anche per determinare l’importo del contributo. 

L’ISEE da presentare è quello della persona assistita, qualora sia essa stessa a presentare domanda. Nel caso, invece, a presentare richiesta sia un familiare (anche non convivente) l’ISEE fa riferimento a quest’ultimo. Infine, qualora a presentare domanda sia l’amministratore di sostegno o il tutore, l’ISEE di riferimento è quello della persona assistita.

Quali sono gli importi del bonus badanti 2022 e per quali spese

Il bonus badanti della Regione Lombardia è destinato alle persone assistite o ai familiari come rimborso per le spese sostenute per la retribuzione degli assistenti familiari. 

Nel dettaglio, tale rimborso non può essere superiore al 60% delle spese sostenute. Come già accennato, gli importi riconosciuti dipendono dalle diverse soglie ISEE stabilite. Oltre al limite stabilito, quindi, l’ISEE è anche fondamentale per determinare l’importo spettante del rimborso. In particolare: 

• per chi ha ISEE pari o inferiore a 25.000 euro è stabilito un tetto massimo (non superiore al 60% delle spese sostenute) di 2.400 euro;

• per chi ha ISEE maggiore di 25.000 euro e fino a 35.000 euro, il tetto massimo è pari a 2.000 euro. 

Come richiedere il bonus badanti della Regione Lombardia nel 2022

Come abbiamo visto, le famiglie interessate potranno inviare richiesta per il contributo a partire da domani, 4 ottobre 2022. 

È bene specificare, però, che la richiesta per il bonus badanti della Regione Lombardia può essere effettuata esclusivamente in via telematica. Ciò significa che il richiedente, sia esso la persona assistita o il familiare, deve essere in possesso delle credenziali di accesso che permettono di comunicare con le pubbliche amministrazioni, scegliendo tra: 

SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale;

CNS/CRS, Carta Nazionale dei Servizi o Carta Regionale dei Servizi;

CIE, Carta d’Identità Elettronica.

In particolare, la domanda va presentata tramite il Sistema informativo Bandi online, raggiungibile tramite il sito della Regione Lombardia.

Al momento della presentazione della domanda, il richiedente deve allegare la documentazione necessaria che include il contratto di lavoro sottoscritto con l’assistente familiare e i giustificativi delle spese effettivamente sostenute.

Per risolvere qualsiasi dubbio o per ottenere ogni tipo di chiarimento utile all’invio della domanda, si consiglia di consultare l’avviso pubblico che si trova in allegato alla pagina informativa dedicata al bonus badanti sul sito della Regione Lombardia.

Top