VOGHERA 24/02/2020: Coronavirus Covid19. Ecco le disposizioni della Diocesi per messe, matrimoni funerali incontri. Il Vescovo invita alla preghiera per la guarigione dei malati

da www.vogheranews.it

@Riproduzione Riservata del 24 febbraio 2020

VOGHERA – In ragione delle ordinanze emanate, di concerto con il Governo, dai Presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia e Liguria, la Diocesi di Tortona ha emanato i seguenti provvedimenti.

1. Le chiese rimangano aperte per la preghiera personale dei fedeli (si ricorda di svuotare le acquasantiere).

2. Si sospendano le Celebrazioni eucaristiche con concorso di popolo a partire dalla mezzanotte di domenica 23 febbraio 2020 fino alla mezzanotte di domenica 1 marzo 2020.

3. Nei locali e nelle opere parrocchiali non si prevedano incontri, iniziative, riunioni (compresa l’attività catechistica), annullando, in ogni caso, eventi precedentemente fissati.

4. I funerali e i matrimoni possono essere celebrati soltanto con la presenza dei parenti stretti.

5. Sono sospesi convegni e riunioni di formazione a livello diocesano.

6. La Curia rimarrà aperta al pubblico per erogare i consueti servizi.

7. Si sospenda la Benedizione delle Famiglie.

A queste disposizioni il vescovo Viola ricorda a tutti i fedeli “la necessità della preghiera affinché il Signore conceda la grazia della guarigione ai malati, consoli il dolore di chi è nel pianto e preservi l’umanità intera dal flagello della malattia e da ogni tribolazione.”

Inoltre raccomanda che, “pur nell’impossibilità di partecipare alle sante celebrazioni, soprattutto l’inizio della Quaresima, si intensifichi la preghiera e si inizi il sacro tempo penitenziale secondo le indicazioni della Chiesa: ascolto della Parola di Dio, astinenza dalle carni e digiuno (secondo le modalità stabilite), celebrazione del Sacramento della Riconciliazione, meditazione e opere di carità e di misericordia.”

Monsignor Vittorio Viola esorta poi “tutti i presbiteri” a “celebrare personalmente e quotidianamente – a porte chiuse e senza la presenza del popolo – la Santa Messa, in spirituale comunione con tutti i fedeli, con la particolare intenzione (anche con il formulario previsto dal Messale Romano, pp. 826- 827, quando le norme liturgiche lo consentono) di implorare dal Signore la liberazione da ogni male.”

Infine. “Se non vi sarà un prolungamento dell’attuale situazione, si potrà celebrare il Rito delle Ceneri il primo giorno utile e cioè lunedì 2 marzo 2020.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *