logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
9

VOGHERA 13/05/2021: Scuola. Al Maserati e alla Pascoli si parla di stereotipi e di violenza di genere

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 13 maggio 2021

VOGHERA – Una formazione a 360° rivolta ai docenti e agli alunni per prevenire la violenza di genere e riflettere sugli stereotipi e sui pregiudizi che spesso ne rappresentano la causa. Questa la finalità del progetto “Rete di scuole contro la violenza di genere” che ha come capofila l’Istituto Maserati di Voghera e che nasce in collaborazione con il Centro antiviolenza C.H.I.A.R.A. Ieri mattina due operatrici del Centro, Silvia Carlotti e Chiara Anastasia, hanno incontrato gli alunni delle Classi 3^C e 3^G della Pascoli, mettendo a fuoco insieme a loro alcuni degli stereotipi di genere più radicati nella cultura e nella società, a partire dalla sfera del gioco e dello sport fino ad arrivare a quella delle relazioni, della personalità, dei ruoli familiari e del lavoro. 'Quante volte si sente dire ‘sport adatto a un maschio’ e ‘lavoro da uomo’, oppure si associa la cura dell’aspetto estetico all’identità femminile, così come l’accudimento dei figli o della sfera domestica – spiega la scuola -. Si tratta di etichette molto diffuse, sicuramente antiche ma continuamente rinnovate anche in una società come la nostra in cui la modernizzazione dei modi di vita non sempre coincide con una riflessione critica sulla parità di genere. Abituarsi a riconoscere e a contrastare i pregiudizi rappresenta un’arma di difesa molto importante anche nelle situazioni che hanno a che fare con il bullismo e la discriminazione, in generale con l’omologazione del pensiero. Solo uno spirito critico, riflessivo e rispettoso della vera individualità può davvero prevenire ogni forma di giudizio, di offesa, quindi alla lunga di violenza.”

«I ragazzi hanno partecipato con molto interesse alle attività proposte», hanno dichiarato le operatrici, «dimostrando una maturità e una consapevolezza degne di nota: segno che nelle scuole si sta facendo molto per stimolare una vera educazione civica, che è innanzitutto educazione al rispetto.»

Top