logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
31

VOGHERA 06/10/2022: I 10 anni del Voghera Film Festival. Tre serate in programma al Teatro dei Padri Barnabiti. Si parte sabato 8

da www.vogheranews.it
@Riproduzione Riservata del 06 ottobre 2022

VOGHERA – Quest’anno il Voghera Film Festival festeggia la sua 10a edizione! Per i 10 anni del festival, sono previste tre serate di eventi e proiezioni dedicate al cinema e alla cultura. Tutte le iniziative si svolgeranno in presenza presso il Teatro dei Padri Barnabiti, in via Garibaldi 158 a Voghera.

Da 10 anni, il Voghera Film Festival, evento patrocinato dal Comune di Voghera e supportato dall’associazione no profit Iria cultura, si dedica a promuovere il cinema nella città e nel territorio, proponendo una selezione di cortometraggi internazionali proveniente da diverse parti del mondo. Il festival è suddiviso in quattro categorie competitive: cortometraggi internazionali, cortometraggio horror, sceneggiature di cortometraggi e sceneggiature di lungometraggi.

Ecco il programma della 10a edizione del Voghera Film Festival:

SABATO 8 OTTOBRE, 21.30 – MUSICA & CINEMA

Si parte con la serata di sabato 8 ottobre, ore 21.45, all’insegna di cinema & musica con una performance dal vivo che prevede la proiezione di film con sonorizzazione.

A esibirsi saranno i Khawas Terzet sonorizzando dal vivo Le voyage à traverso l’impossible di Georges Méliès. Il gruppo si lascerà guidare dalle immagini di Méliès fondendo ambienti drones e rumoristici (Augusto Sorvillo – sintetizzatori) a improvvisazioni e melodie elettroacustiche (Monika Rogalska – violino, viola e fx), il tutto con una batteria free jazz (Filippo Monico, batteria e percussioni). Khawas è un collettivo sperimentale dedito all’esplorazione musicale e alla free improvisation. Nelle sue diverse incarnazioni propone performance dove la musica si unisce ad altri linguaggi e forme di comunicazione.

Gli artisti:

Filippo Monico, attivo dai primi anni 70, quando collabora con i più grandi del jazz italiano, inoltre partecipa a concerti e registrazioni con Enrico Rava, Paul Rutherford, Lester Bowie, Don Cherry, Steve Lacy, Evan Parker. Collabora a spettacoli di teatro danza con le coreografe Susanna Beltrami e Adriana Borriello e di teatro con i registi Elio De Capitani, Antonello Cassinotti, Renzo Martinelli, Giorgio Barberio Corsetti e con il Teatro filodrammatici di Milano. Negli ultimi anni si sta dedicando all’improvvisazione sia radicale sia jazzistica, spesso in dialogo con danza, pittura, poesia, teatro e video.

Monika Rogalska, di formazione classica e jazzista. Diplomata al conservatorio in Polonia, segue poi studi e stage di jazz e improvvisazione a Mosca, Parigi e New York. Monika si è esibita a Mosca con il suo quartetto jazz Nikamo, ha collaborato con l’Orchestra Cubana diretta da Omar Puente all’Avana; con Halfpenny Pass (hip hop e jazz) a Londra, con Heavy Lime (rock jazz) a Mosca. Ha composto ed eseguito musica per pubblicità e film muti.

Augusto Sorvillo è attivo dagli anni 90 all’interno della scena underground lombarda. Nasce come bassista in band locali di rock psichedelico e alternative rock. Reinventatosi chitarrista, tramite il proprio progetto drones doom Malasangre, dà sfogo al suo background più estremo e sperimentale. Ha all’attivo diversi album ed esperienze live nella scena underground internazionale nord europea e nel recente passato l’esplorazione di ambienti sonori elettronici e noise (RBMK, Il Golem di Cristallo).

A seguire, si esibirà il progetto Superga, del musicista Matteo Bailo, che sonorizzerà dal vivo, con una chitarra e un sintetizzatore, una spezzone tratto da Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau, di cui ricorre il centenario.

Attivo per anni come voce e chitarra nel trio rock sperimentale Vetronova, Matteo Bailo ama le chitarre elettriche, le registrazioni casalinghe, i cantautori desolati, le melodie che entrano nella mente come dissertazioni. Il progetto Superga è il tentativo di tenere insieme tutto, tra note scarne, suoni non allineati e amici che ogni tanto suonano per lui il pianoforte.

VENERDÌ 14 OTTOBRE, ORE 21.30 – NOTTE HORROR

La manifestazione prosegue venerdì 14 ottobre, ore 21.30, con la consueta Notte horror: verranno proiettati i cinque cortometraggi in gara e seguirà la prima nazionale del lungometraggio Gli artigli dell’aquila di Alex Visani con Manuela Arcuri. Il regista sarà presente alla proiezione.

I titoli selezionati sono:

Cuore di strega di Marco Baroni (Italia)

The Abyss of The Soul di Guilherme Daniel (Portogallo)

Larvae di Alessandro Rota (Italia)

Part Forever di Alan Chung-An, Ou (Taiwan)

Tiam di Samaneh Rad (Iran)

SABATO 15 OTTOBRE, ORE 17 e ORE 21.30 – SCENEGGIATURE, CORTI E PREMIAZIONI

Si continua sabato 15 ottobre con l’evento finale del festival, suddiviso in due momenti: alle ore 17 verranno proiettati i primi 3 corti del concorso internazionale, a seguire la premiazione del concorso per le migliori sceneggiature.

Mentre la sere, alle ore 21.30, si conclude l’evento con la proiezione degli altri 5 corti in gara. A seguire la premiazione dei cortometraggi.

I titoli selezionati sono:

Pomeriggio

Colonie di Romain Daudet-Jahan (Francia)

Don’t Tell Anyone di Sahar Sotoodeh (Iran)

Dipende tutto da te di Daniele Ceccarini (Italia)

Sera

Shakira di Noémie Merlant (Francia)

Cuore di Pierpaolo de Mejo (Italia)

Vlada Goes to London di Arti Savchenko (Israele)

Theo di EDUARDO BUNSTER, BELÉN ABARZA (Cile)

Cylinder di Amir Pazirofteh (Iran)

Per tutti gli eventi, l’ingresso al Teatro dei Padri Barnabiti è libero.

Il Voghera Film Festival ha l’obiettivo di creare un punto di riferimento culturale e creativo per la città e l’Oltrepò. A rendere possibile questa manifestazione ci pensa un team di appassionati di arte e cinema che ogni anno si arricchisce di nuovi giovani collaboratori dediti a selezionare cortometraggi da tutto il mondo e organizzare il festival in tutti i suoi aspetti. Insieme alla direttrice artistica Giulia Bona, lavorano al progetto Marco Rosson, Carlo Stagnoli, Eleonorita Acquaviva e i giovani collaboratori Sara Traversa, Mara Vignola, Rebecca Ferrari, Luca Albera, Jacopo Antoniolli portando avanti lo scopo di diffondere la cultura nel nostro territorio.

Per maggiori info vogherafilmfestival@gmail.com e sito www.vogherafilmfestival.com

Top