logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
42

UN RICONOSCIMENTO A CHI RACCONTA L'ACCOGLIENZA DELLA VITA

Alla collega Laura Badaracchi va il premio Natale Ucsi 2022 per un articolo dedicato alle donne che portano avanti una gravidanza con diagnosi infausta. La cerimonia sarà sabato 17 dicembre a Verona.-

di Orsola Vetri

da www.famigliacristiana.it
@Riproduzione Riservata del 14 dicembre 2022

«Il diritto alla vita. L’accompagnamento alle donne in gravidanza con diagnosi infausta: il racconto partecipe di un grande dolore nel quale nessuna madre ha diritto di essere lasciata sola», questa la motivazione che accompagna il riconoscimento Natale Ucsi 2022, il premio giornalistico nazionale alla memoria di Giuseppe Faccincani, assegnato alla nostra collaboratrice Laura Badaracchi, nella categoria stampa, per il servizio intitolato “Abbiamo accolto con fiducia i nostri bimbi”. Un servizio apparso sul n. 37 del 2022 di Famiglia Cristiana dove racconta, attraverso toccanti testimonianze di genitori e volontari, l'impegno della fondazione Il cuore in una goccia, nell'accompagnare e sostenere le mamme che scelgono di portare avanti una gravidanza pur sapendo che il figlio non sopravviverà.

Laura Badaracchi

Natale UCSI taglia il traguardo dei 28 anni. Promosso dall’Unione Cattolica Stampa Italiana-sezione di Verona, prosegue il suo intento di dare visibilità e riconoscimento alle buone notizie e al giornalismo che le sa raccontare. Stampa, Tv, Radio, Targa Athesis, Genio della donna e Giornalisti e società: sei le categorie del concorso, sostenuto da Fondazione Cattolica, da Fondazione Banca Popolare di Verona, dalla Conferenza Episcopale del Triveneto (CET), da Comune di Verona e con l’apporto del Gruppo editoriale Athesis. Patrocinano UCSI nazionale, Comune di Verona, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti del Veneto.

«Dedico questo premio a tutte le famiglie che, con amore sconfinato, decidono di accompagnare i loro figli con diagnosi infausta, pur sapendo di doversene separare poco dopo la nascita. Sono per me una testimonianza viva di come l'amore abbia sempre l'ultima parola, nonostante il dolore della perdita e la sofferenza del distacco», così ha commentato Laura Badaracchi apprendendo la notizia del riconoscimento. La cerimonia della consegna ufficilale sarà sabato 17 dicembre a Verona.

Top