logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
8

Tutti i micro nutrimenti preziosi in gravidanza

di Alessia Altavilla

Dal magnesio all'acido folico, quali sono i minerali che andrebbero assunti in gravidanza, sia tramite l'alimentazione, sia per come integratori.-

Una corretta alimentazione durante la gravidanza è fondamentale soprattutto perché permette alla mamma di assumere tutti i micro nutrimenti indispensabili per la sua salute e per quella del bambino. Laddove, però, non è possibile, solo tramite la dieta, raggiungere la dose giornaliera quotidiana raccomandata, sempre su consiglio del proprio medico, sarebbe bene integrarli quotidianamente.

MAGNESIO
Il magnesio è un minerale prezioso non solo durante la gravidanza. Infatti, tra le sue principali funzioni, aiuta a ridurre la pressione sanguigna, rilassa le cellule muscolari, contribuisce, con il fosforo e il calcio, alla produzione di energia, accelera la crescita di ossa e denti e ha una forte azione antidepressiva. In gravidanza (e con l'allattamento poi) svolge una funzione fondamentale, migliorando lo stato di salute della gestante. Tra i suoi compiti specifici, infatti, previene la formazione di crampi, riduce il rischio di pressione alta, regola le contrazione uterine modulando il tono muscolare, contribuisce a diminuire il rischio di parto prematuro. Inoltre, non meno importante, evita l'insorgenza di disturbi quali stanchezza e debolezza cui spesso la futura mamma va incontro, irritabilità, insonnia. 
Si trova, soprattutto nei vegetali a foglia verde, nei crostacei e nel pesce, nei legumi, nelle banane e nella cioccolata.

ACIDO FOLICO
L’Acido folico è una vitamina del gruppo B necessaria per tutte le reazioni di sintesi. Negli alimenti è presente sotto forma di folato, in particolare nelle frattaglie, nel lievito di birra, nei fiocchi di cereali, nei vegetali a foglia verde (spinaci, broccoli, asparagi, lattuga) e, in generale, anche nella frutta, nel latte e nelle uova anche se il loro assorbimento, sia per questioni di composizione molecolare sia perché in parte viene disperso durante la cottura degli alimenti stessi, è decisamente inferiore rispetto all’assorbimento dell’acido folico ottenuto per sintesi.
La carenza di acido folico è assai diffusa ma durante la gravidanza può provocare problemi nella differenziazione del tubo neurale e portare, così, allo sviluppo della spina bifida o di anencefalia.
Viene, generalmente, prescritto come integratore durante tutto il primo trimestre di gravidanza. Ma se ne consiglia l'assunzione anche nei mesi successi a supporto della dieta della futura mamma.

OMEGA 3

Gli omega 3 sono acidi grassi essenziali (ne fanno parte anche gli omega 6) indispensabili per la salute del corpo e per lo sviluppo del cervello.
Poiché non vengono sintetizzati dall'organismo, devono essere introdotti attraverso l'alimentazione in un rapporto equilibrato di 1 (omega 3) a 6 (omega 6). Si tratta di grassi polinsaturi (formati, cioè, da vari doppi legami) che si distinguono dai grassi monoinsaturi (formati da un solo doppio legame) e dai grassi saturi.
Oltre a un'importante funzione nella prevenzione delle malattie cardio-vascolari e di protezione delle funzioni visive, durante la gravidanza gli omega 3 giocano un ruolo chiave nello sviluppo del cervello del feto durante le prime settimane di gravidanza e nell'aumento delle capacità cognitive del bambino nelle ultime settimane di gestazione e nei primi mesi di vita.
Dal momento che il feto attinge alle riserve della madre è fondamentale che questa ne aumenti l'introito durante i nove mesi di gravidanza o attraverso la dieta o per mezzo di integratori specifici a base di DHA.
Sembra, inoltre, che una carenza di DHA sia tra le possibili cause della depressione post partum, dal momento che gli omega 3 giocano un ruolo importante anche nella regolazione dell'umore.

da www.bambonopoli.it

@Riproduzione Riservata del 03 ottobre 2018

 

Top