logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
8

Smart working emergenziale “non oltre” il 31 marzo 2021

di Riccardo Pallotta, Esperto di previdenza e di organizzazione della Pubblica Amministrazione
da www.ipsoa.it
@Riproduzione Riservata del 05 gennaio 2021
Novità in tema di smart working arrivano dal decreto Milleproroghe 2021, in vigore dallo scorso 31 dicembre. Viene prolungato "fino alla data di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e comunque non oltre il 31 marzo 2021" il periodo durante il quale il datore di lavoro privato può ricorrere alla procedura emergenziale di comunicazione per l'attivazione dello smart working e alle modalità semplificate per ottemperare all'obbligo di informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro. Inoltre, per lo stesso periodo, è possibile, in deroga alla disciplina ordinaria, ricorrere al lavoro agile senza stipulare l’accordo individuale con il lavoratore.

Il 31 dicembre 2020 sono entrate in vigore due importanti proroghe in tema di smart working. Contenute nel decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183, noto come decreto Milleproroghe 2021, le due norme “allungano” i tempi di vigenza delle disposizioni in materia di lavoro agile emergenziale per i lavoratori dipendenti del settore privato e per il personale delle pubbliche amministrazioni.

Il decreto Milleproroghe 2021

Nella Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31 dicembre 2020 è stato pubblicato il decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183 recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (UE, EURATOM) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonchè in materia di recesso del Regno Unito dall'Unione Europea.

Top