logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
12

POST PARTO: PERCHÉ MIO MARITO NON MI CAPISCE?

di Elisabetta Pinna

da www.mamme.it
@Riproduzione Riservata del 26 aprile 2022

Quando si parla di post parto, molti articoli che si trovano tranquillamente sul web si incentrano - ancora, e basta! - sulla donna, come se non avesse già abbastanza pesi da portarsi dietro. Fate una ricerca e leggeteli tutti: "10 consigli per non perdere tuo marito", "Come coinvolgerlo nella gestione del bambino", "Rimettersi in forma dopo il parto". Insomma, come la giri la giri, la colpa è sempre nostra.

Quando si parla di post parto, molti articoli che si trovano tranquillamente sul web si incentrano - ancora, e basta! - sulla donna, come se non avesse già abbastanza pesi da portarsi dietro. Fate una ricerca e leggeteli tutti: "10 consigli per non perdere tuo marito", "Come coinvolgerlo nella gestione del bambino", "Rimettersi in forma dopo il parto". Insomma, come la giri la giri, la colpa è sempre nostra.

Il delicato momento del post parto

"Perché mio marito non mi capisce?" Perché semplicemente è diverso. Perché è un uomo, perché non ha partorito, perché il suo corpo non è cambiato e nemmeno la sua vita è stata stravolta come la tua. Alt. Ci sono tantissimi mariti e compagni che entrano perfettamente nel ruolo di protettore del nido e che riescono ad aiutare la compagna nella gestione delle emozioni caotiche dovute al parto. Ma si tratta, ohimè, di una minoranza.

Se tuo marito ha capito tutto di te dopo il parto sei fortunata. Per molte però le cose non stanno così.

post-parto-perche-mio-marito-non-capisce

Depressione post parto, lui non la capisce

Non lo fa di proposito a non capire la tua tristezza inspiegabile, il tuo sentirti brutta, inadatta, stanca, fuori luogo. Non è programmato per comprendere queste smerigliature dell'animo femminile, e questa non è una colpa. A te fa male, ma se lo colpevolizzi è peggio.

Non devi però nemmeno sentirti tu in colpa, non devi fare le capriole per renderlo felice, ognuno deve impiegare le proprie energie verso un nuovo assetto e della persona e della coppia.

Fatevi aiutare per superare il post parto

La cosa migliore non è quella di perdere 10 kg in due settimane, di vestirti da pantera per riconquistarlo e di mettere il bambino da solo a dormire per fare sesso con lui, ché queste sembrano le armi vincenti per un buon rapporto di coppia.

Bene, non lo sono: è solo una mentalità maschilista che ti dice che devi dedicare tempo anche a lui (al limite lui deve dedicarlo a te!).

No, non devi, lo fai se te la senti, non per obbligo, il tuo compito è quello di dedicarti al bambino in primis, il resto si sistema con il tempo e col buonsenso.

Se lui da solo non riesce a capirlo o ad aiutarti a ritrovare una tua serenità, chiedete aiuto. Non trascuratevi.

Top