logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
16

Letture. Da Sparta a don Gnocchi, il lungo viaggio dei disabili oltre ogni barriera

di Andrea Lavazza

da www.avvenire.it
@Riproduzione Riservata del 16 luglio 2022

Cosa insegna il cammino della società per il superamento dei limiti e dei pregiudizi. Con lo storico e antropologo della medicina Vittorio A. Sironi un percorso nella "diversità" e le sue lezioni.-

La disabilità non è l’insufficienza di un individuo che lo condanna a essere diverso dai "presunti" normali e incapace di fare tutto ciò che la società si attenderebbe da lui. Sono invece le barriere e le pretese della società a limitare le sue possibilità di realizzazione. Fermo restando la nostra altezza media, se tutti gli oggetti si trovassero collocati a due metri dal suolo, sedie e tavoli raddoppiassero la lunghezza delle gambe e i gradini avessero un’alzata tripla, diventeremmo tutti handicappati nella nostra vita quotidiana. Saremmo costretti ad arrampicarci costantemente su pericolosi sgabelli e scomode scalette, ma spesso dovremmo semplicemente rinunciare a molte attività quotidiane per l’impossibilità fisica di portarle a termine.
Chi è allora "handicappato"? Tutti coloro che non hanno la fortuna di essere cresciuti tanti centimetri oltre il consueto. Ma basta riabbassare gli elementi di arredo, ed ecco che i limiti scompaiono. Una simile prospettiva sulla disabilità corona un lungo cammino sia medico sia culturale che ha attraversato la storia dell’umanità. Merito di Vittorio A. Sironi avere tracciato questa storia che è decisiva perché una società possa dirsi rispettosa e inclusiva delle diversità. Già neurochirurgo, storico e antropologo della medicina, docente all’Università Milano Bicocca, dove dirige il Centro studi sulla storia del pensiero biomedico e collaboratore di Avvenire, l’autore in Superare la disabilità. Storia e antropologia della riabilitazione (Carocci, 196 pagine, 19 euro), descrive il tragitto sociale che ha portato dal rifiuto all’accettazione dell’handicap, istituendo un parallelo con la storia della medicina riabilitativa, che ha compiuto recentemente progressi straordinari.

Top