logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
3

L’altruismo: aiutare voi stessi per aiutare gli altri

https://ww1.lifeplus.com/it/it/web-page/altruism-help-yourself-by-helping-others
@Riproduzione Riservata
Per secoli i più grandi pensatori hanno suggerito la stessa cosa: la felicità risiede nell’aiutare gli altri. Ora la scienza ha convalidato tale concetto. L’altruismo, il concetto di aiutare altre persone in modo disinteressato, sembra aiutare a proteggere la nostra salute.

L’incarnazione di altruismo, compassione, empatia e disponibilità e il desiderio di prendersi cura degli altri sono associati a un maggior benessere, una salute migliore e a una vita più lunga. Quando incarniamo la compassione, sia emotivamente che dal punto di vista comportamentale, stiamo agendo anche per il nostro bene, fintanto che non siamo sopraffatti dall’aiutare gli altri.

In particolare, aiutare gli altri sembra contribuire a annullare alcuni degli effetti negativi dello stress nella nostra vita.

I ricercatori hanno osservato un gruppo di persone con esperienza di eventi stressanti durante un periodo di un anno e hanno inoltre constatato se avessero o meno offerto aiuti concreti ad amici o familiari. Le persone che avevano impiegato il loro tempo e le loro competenze per aiutare gli altri avevano significativamente meno probabilità di morire durante il corso dello studio.
Quali aspetti del vivere una vita altruista creano questi vantaggi? Diversi fattori possono essere responsabili. Per iniziare, il sentimento positivo che si sente spesso dopo aver aiutato qualcuno è causato da endorfine, ed eventualmente anche dagli endocannabinoidi. Sono le stesse sostanze chimiche piacevoli rilasciate durante l’allenamento con cui il corpo ci ripaga quando ci prendiamo cura di noi stessi (o in questo caso, cura degli altri).
Aiutare gli altri spesso ci ricorda di essere grati per ciò che abbiamo. In un periodo in cui molti di noi cercano costantemente di acquisire più beni materiali confrontando costantemente ciò che abbiamo con ciò che hanno gli altri, coltivare la gratitudine può essere estremamente gratificante. Essa ci aiuta a lasciar andare i desideri e a vivere più liberamente il presente con ciò che abbiamo, ed esserne felici!
Aiutare gli altri aiuta anche a distogliere l’attenzione dai nostri problemi. Concentrarsi sul fare del bene per qualcun altro può scacciare i pensieri negativi e le preoccupazioni. Gli studi hanno dimostrato che le persone con patologie riducono le proprie sofferenze e disabilità quando danno consigli agli altri circa le stesse patologie.
La felicità derivata dalla vita compassionevole e dall’aiutare il prossimo è un tipo di felicità ben determinato. Una ricerca rivoluzionaria dell’Università della California, Los Angeles, e dell’Università della Carolina del Nord lo dimostra. Gli scienziati hanno esaminato il legame tra la felicità e l’infiammazione, che si sospetta sia alla base del cancro e di altre malattie croniche non infettive. L’infiammazione è spesso più elevata nelle persone che vivono con livelli di stress alti. Dal momento che stress e infiammazione sono collegati, si potrebbe pensare che coloro che affermano di vivere una vita “felice” siano meno soggetti a infiammazione. Non è vero!

A volte abbiamo bisogno di ricordarci che è bello sentirsi bene aiutando gli altri.

Sorprendentemente, i ricercatori hanno constatato che se la felicità di una persona derivava da una vita di piaceri (nota anche come “felicità edonica”), quella persona aveva comunque un’alta infiammazione. Tuttavia, quando la felicità di una persona derivava da una vita altruista (nota anche come “felicità eudaimonica”), si registravano bassi livelli di infiammazione.
Non è egoista né sbagliato ammettere quanto ci faccia sentir bene. State facendo la differenza nella vita di qualcuno. È meraviglioso e dovreste permettere a voi stessi di abbracciare quel sentimento senza sensi di colpa.

Quando lasciate andare i sensi di colpa e vi concentrate sui vostri sentimenti positivi, potrete osservare velocemente quante più cose, persone, idee ed esperienze positive entrano nella vostra vita.

I benefici dell’altruismo e del pensiero positivo vanno mano nella mano. Entrambi vi aiuteranno a riempire la vostra vita con più esperienze e sentimenti felici e meravigliosi.
La ricerca suggerisce che siamo nati con un innato desiderio di aiutare gli altri. Soddisfatelo! Gli scienziati della University of British Columbia hanno scoperto che i bambini di due anni traggono benefici dall’altruismo. Quando si dava loro il compito di dare un regalo ad altri bambini, chi dava il regalo raggiungeva un maggiore livello di felicità rispetto a coloro che lo ricevevano.
Questa è la prova che siamo fatti per essere utili, e non vi è nulla di sbagliato nel trarne piacere. Siete buone persone e non state aiutando gli altri per motivi egoistici. Sentirsi bene compiendo quest’azione è gratificante.

Top