logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
8

L’Agenzia delle Entrate eroga rimborsi da 630 a 800 euro a figlio per rette e altre spese scolastiche

da www.proiezionidiborsa.it
@Riproduzione Riservata del 27 novembre 2020
La Redazione avverte i Lettori che l’Agenzia delle Entrate eroga rimborsi da 630 a 800 euro a figlio per rette e altre spese scolastiche. I contribuenti possono scegliere con quale modalità ricevere la restituzione delle somme di denaro spettanti dopo il riconoscimento del diritto.
Pertanto se si preferisce ricevere il rimborso sul conto corrente bancario o postale bisognerà comunicare le coordinate IBAN. Dopo la registrazione al sito dell’Autorità fiscale, il contribuente dovrà cliccare sull’icona “Accredito su conto corrente” e inserire le coordinate bancarie. In alternativa potrà recarsi di persona presso l’ufficio territoriale dell’Agenzia e consegnare il modulo riportante l’IBAN.
Chi non opta per l’accredito bancario potrà ritirare i contanti presso un ufficio postale purché l’importo del rimborso sia inferiore a 1.549, 37 euro. Nell’eventualità in cui l’ammontare del rimborso superi tale cifra, l’erogazione della somma di denaro spettante avverrà tramite vaglia dalla Banca d’Italia. Si può infine optare per la compensazione che prevede di azzerare eventuali debiti col Fisco con i crediti che il contribuente matura nel corso dell’anno.
Esistono difatti alcune spese che si possono portare in detrazione quando si presenta la dichiarazione dei redditi. Ne abbiamo già discusso nell’articolo “Quali sono le spese mediche e sanitarie detraibili nel 2020 anche con pagamenti in contanti?”.  Le famiglie con figli fiscalmente a carico hanno inoltre diritto a detrarre numerose voci di spesa che appesantiscono il bilancio annuale. Nello specifico, ai genitori conviene sapere che l’Agenzia delle Entrate eroga rimborsi da 630 a 800 euro a figlio per rette e altre spese scolastiche.
L’Agenzia delle Entrate eroga rimborsi da 630 a 800 euro a figlio per rette e altre spese scolastiche
Una prima agevolazione sull’IRPEF che il contribuente deve versare giunge dalla possibilità di detrarre il pagamento delle rette per gli asili nido. Secondo quanto statuisce l’articolo 2 del Decreto legislativo 203/2008 la detrazione massima cui si ha diritto è pari a 632 euro. Con la dichiarazione dei redditi 2020 si potrà godere di un aumento del rimborso per le spese relative alla frequenza di scuole elementari, medie, superiori.
Tanto per le scuole statali quanto per quelle paritarie i costi detraibili presentano un importo massimo di 800 euro per ciascun figlio.
Fra le spese rientrano anche quelle che il genitore sostiene per gli studi universitari e per l’eventuale canone di locazione.
 

Top