logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
32

Gravidanza: Gambe e caviglie gonfie: ecco i rimedi

di Alessia Altavilla
da www.bambionopoli.it
@Riproduzione Riservata del 03 agosto 2019
Se il gonfiore degli arti inferiori è fisiologico in gravidanza, sicuramente il caldo delle ultime settimane non aiuta a migliorare la situazione. Ecco come si può intervenire.-

Il gonfiore in gravidanza è un fenomeno abbastanza tipico che interessa quasi tutte le donne e che può verificarsi sin dai primi mesi di gestazione. Il caldo sicuramente non aiuta e la stagione estiva è, da questo punto di vista, la peggiore.

I motivi sono svariati: cambiamenti ormonali con aumento di estrogeni e progesteroni che causano inibizione dei tessuti, fattori biochimici che provocano un aumento della componente liquida del sangue a discapito di quella proteica, una maggiore vasodilatazione che può causare edemi, soprattutto a livello dei piedi, delle caviglie e delle mani...
Insomma, un disturbo comune vissuto, in generale, come molto fastidioso.
Sebbene sia inevitabile, alcuni piccoli accorgimenti consentono di migliorare la situazione rendendola più accettabile. 

COSA FARE
Utilizzare scarpe comode a pianta larga evitando i tacchi (il tacco non dovrà superare i 2/3 cm).
Cercare di non prendere troppo peso controllando la dieta e l'alimentazione. Evitare zuccheri e grassi e preferire alimenti ricchi di fibre (farine integrali, avena, miglio) che favoriscono il transito intestinale. Aumentare la quantità di acqua ingerita nell'arco della giornata.
Camminare a lungo, possibilmente a piedi nudi (perfette le passeggiate lungo la riva o sull'erba a piedi scalzi).
Dormire con le gambe leggermente sollevate: è sufficiente utilizzare un cuscino da mettere sotto ai polpacci durante la notte. Durante il giorno, se possibile, tenere le gambe in posizione orizzontale, alzandosi spesso dalla sedia per favorire la circolazione.
Dedicarsi ad attivià sportive in acqua: perfette l'acqua gym e la cyclette in piscina (laddove siano presenti questi tipi di corsi).
Se possibile con il consenso del ginecologo, sottoporsi a massaggi linfodrenanti.
Tutte le sere, immergere i piedi e le caviglie in una vasca piena di acqua e sale. Per effetto dell'osmosi, infatti, il sale tirerà fuori i liquidi regalando una sensazione di leggerezza.
Massaggiare le gambe con creme specifiche defaticanti

Top