logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
2

Giocare nel verde anche in inverno fa bene!

di Luce Ranucci  Luce Ranucci
da www.bimbisaniebelli.it
@Riproduzione Riservata de 22 dicembre 2020
Giocare nel verde, nei parchi e nei giardini – anche in inverno - potrebbe contribuire a rinforzare il sistema immunitario dei bambini.-
Giocare nel verde anche in inverno fa bene!
In inverno fa freddo e allora diventa forte la tentazione di restare a casa e far giocare i bambini al caldo e al chiuso. Vi è inoltre la paura che si possano ammalare e in tempi di rischio Covid anche il semplice raffreddore o un leggero mal di gola spaventano. Ora è provato scientificamente  l’opposto, cioè che giocare nel verde all’aperto, anche nei parchi e nei giardini cittadini, potrebbe contribuire addirittura a rinforzare il sistema immunitario dei bambini.

Meno cemento e più verde

Questo è il risultato di uno studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, condotto dagli esperti dell’Università di Helsinki, che hanno analizzato un totale di 75 bambini di età compresa tra tre e cinque anni, iscritti a dieci diversi asili nido in Finlandia. “La letteratura esistente – spiega Aki Sinkkonen dell’Università di Helsinki – supporta l’ipotesi che la vita in città sia più facilmente associata a un sistema immunitario meno forte, per via della meno frequente esposizione ai microbioti, che può aumentare il rischio di sviluppare condizioni come allergie, asma, eczema, malattie infiammatorie intestinali, sclerosi multipla e diabete di tipo 1”. Il team ha modificato gli spazi di gioco all’aperto di quattro asili nido in Finlandia, rendendo più verdi cortili precedentemente coperti di cemento, sabbia o ghiaia e introducendo erba, cespugli, piccoli arbusti e suolo naturale”. Per 28 giorni gli alunni hanno trascorso un’ora e mezza ogni giorno nel cortile giocando e dedicandosi al giardinaggio.

Cambia il microbiota

“I bambini che hanno giocato nel verde – continua l’esperta – mantenevano un microbiota della pelle e dell’intestino più diversificati, il che sembra contribuire a regolare meglio il sistema immunitario. Questi risultati suggeriscono che le difese corporee dei bambini che vivono in città potrebbero essere potenziate fornendo l’accesso quotidiano a spazi verdi e terreno in cui giocare”. Dallo studio è emerso che l’esposizione all’ambiente più naturale e alla terra favorisce la regolazione del sistema immunitario, stimolando le vie immunoregolatrici. “Siamo rimasti molto sorpresi da questi dati – afferma la scienziata – dopo soli 28 giorni la differenza nella composizione del microbiota è stata apprezzabile. Credo che il nostro studio possa fungere da apripista per nuove pratiche preventive in grado di contrastare le future epidemie immuno-mediate”.

Il commento dell’immunologo

“Credo sia un lavoro meraviglioso – commenta l’immunologo Graham Rook, presso l’University College di Londra – molti dei disturbi che stanno aumentando nelle popolazioni urbane occidentali sono dovuti al fallimento dei meccanismi che controllano il sistema immunitario e questa ricerca mostra che l’esposizione dei bambini a un ambiente naturale ricco di biodiversità aumenta diversi biomarcatori dei meccanismi di controllo essenziali. Gli autori sono riusciti a raggiungere un notevole risultato applicativo”.

Da ricordare

NON È IL FREDDO CHE FA AMMALARE
Nel nostro paese è ancora molto forte la convinzione (errata) che il freddo faccia ammalare. In realtà è vero esattamente il contrario: i bambini che giocano all’aria aperta anche in inverno (ben coperti ovviamente) sono più sani. Infatti, non è il freddo a far ammalare ma virus e batteri che circolano e proliferano soprattutto negli ambienti chiusi e molto frequentati (chi ha un bambino all’asilo nido sa bene cosa vuol dire!). È qui che grazie a starnuti, colpi di tosse e scambio di liquidi corporei come la saliva, i germi possono passare facilmente da una persona all’altra.

Top