logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
5

FONTANELLA NEL BAMBINO: PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE?

di Daniela Zepponi  
da www.mamme.it
@Riproduzione Riservata del 17 febbraio 2021
Sulla testina dei bambini appena nati c’è una parte molto particolare, morbida ed elastica, il cui nome è comunemente conosciuto come "fontanella". Si trova esattamente nello spazio in cui le ossa che costituiscono il cranio non sono ancora saldate insieme ed è una membrana fibrosa e appunto elastica.
Sapete a cosa serve la fontanella? Permette al bambino di nascere! Infatti è grazie al fatto che il cranio possa leggermente comprimersi senza danneggiarsi, che nostro figlio può uscire al condotto vaginale senza problemi.
Non solo: il cervello del bambino cresce molto velocemente e in questo modo esso può evitare di subire compressioni nei primi mesi del sviluppo.
fontanella-nel-bambino-perche-cosi-importante

Fontanella o fontanelle?

In realtà ci sono più di una fontanella, e quelle di maggiore importanza sono quella anteriore, che si trova nella parte superiore della testa, e quella posteriore, dietro la nuca, che invece è più piccola e non tutti sanno individuare subito.
Ne esistono anche altre, che collegano le varie ossa, ma sono spesso piccolissime. Le "fontanelle" iniziano a saldarsi già dal secondo mese di vita del bimbo, ma quella anteriore può aspettare a chiudersi addirittura fino all'anno e mezzo del piccolo.
La vox populi dice che le "fontanelle" sono molto delicate ed non è il caso di toccarle. In realtà sono molto resistenti, e possono essere toccate con la mano: fermo restando che tutto il bambino va “maneggiato” con la massima attenzione.

La fontanella come "termometro" della salute del neonato

La "fontanella" è importante anche come cartina di tornasole della salute del bambino: se pulsa in maniera evidente o è arrossata, il bambino ha la febbre ed è poco reattivo, è il caso di farlo vedere subito da un medico.
Se poi è affossata, rispetto al resto del cranio, indica che il piccolo è disidratato, e anche in questo caso è necessario intervenire immediatamente, contattando un medico per provvedere subito alla reidratazione.

Top