logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
251

Felice di fare la mia parte

di Redazione
da www.citttànuova.it
@Riproduzione Riservata del 11 aprile 2022

A tu per tu con una famigliola proveniente dall’Ucraina. Una nuova vita, dopo l’esperienza della detenzione nel carcere di Teramo.-

Sono stata  chiamata da un amico di settant’ anni, vedovo, che aveva dato la disponibilità ad accogliere persone dell’Ucraina e sono arrivati una madre e  2 bimbi di due e quattro anni, dopo un viaggio di 3 giorni. In Ucraina, la giovanissima donna  ha lasciato il marito perché gli uomini debbono restare lì, la madre e la sorella.

Spaesati, pallidi e stanchi hanno raggiunto la casa di San Benedetto. Io ho messo in moto il mio cuore. Ci voleva un ambiente pulito e ben sistemato e mi sono messa all’opera. Ho cucinato, ma i bimbi, ancora frastornati, hanno vomitato tutto, davvero  stravolti; poi, come tutti i bimbi, in breve tempo si sono ripresi. Per comunicare con questa giovanissima madre ho installato sul cellulare il sistema di traduzione simultanea. Ho ascoltato di peripezie incredibili.

Nei vari spazi liberi dal lavoro  torno da loro, ho coinvolto delle amiche, abbiamo comprato scarpe per i bimbi! Mi ero accorta che il più grandicello le aveva sfondate e pure rosse come quelle del bimbo accasciato sulla spiaggia di tempo addietro, foto che ha commosso il mondo. Non so perché in me c’è stata questa associazione di idee!

Abbiamo procurato giochi e vestiti anche chiedendo ad una Onlus trovata aperta per caso. Gli occhi dei bimbi sono così luminosi da commuovermi ogni volta, ma riesco a restare padrona di me fino al rientro a casa e lì, soprattutto la prima volta, piango. Questo signore che ha aperto la sua casa, mi ha chiesto una costante collaborazione ed io, appena sono libera,  garantisco la mia presenza felice.

“Date e vi sarà dato” ed è vero. Stefano, mio marito, si è sentito spinto a venire di persona con me per far conoscenza:  è rimasto colpitissimo dalla gioiosa accoglienza e dagli abbracci dei bimbi. Il più grandicello lo ha chiamato con sorpresa, papà. L’esperienza avanza e sono felice. Ora nella vita ho un solo obiettivo: non cadere più nelle trappole. Ho un marito che mi ama, lavoro ed ora so come vivere i ritagli del mio tempo.

Top