logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
2

DA CHE COSA NASCONO I PERCHÉ DEI BAMBINI

di Eleonora Usai
da www.mamme.it
@Riproduzione Riservata del 10 gennaio 2021
Intorno ai tre anni di vita i bambini iniziano a migliorare il loro linguaggio e a comunicare con la famiglia in maniera più diretta. La loro capacità di esprimersi migliora con la crescita e proprio in questo periodo, i bambini imparano a manifestare ai genitori le loro esigenze: dalle prime paure ai primi dubbi, alle prime curiosità.
eta-dei-perche
È l’età dei tanti perchéun momento critico per mamma e papà e un periodo di grande formazione per i figli.

La nascita dei tanti perché

I perché dei bambini nascono per diversi motivi:

  • hanno necessità di capire il mondo che li circonda
  • sono molto curiosi e hanno bisogno di stimolare questa curiosità
  • vogliono mettere alla prova gli adulti per capire quanta attenzione ricevono
  • reclamano attenzione e ascolto

Ogni motivazione del perché deriva dalla personale crescita formativa del bambino, che varia in base all’ambiente in cui vive e alle esperienze vissute.

I quesiti dei bambini: quali sono le domande più comuni

Tra le domande più comuni dei bambini ci sono quelle che riguardano la vita di tutti i giorni.
Perché il sole è così grande? Perché il sole si chiama sole?”
“Perché devo andare all’asilo? Perché il gatto è nero?”

Il bambino, in base alla sua curiosità, trascorre molto tempo della giornata a porsi le domande più assurde. Si incaponisce su interrogativi degli episodi dei cartoni animati o si intromette nella vita quotidiana di mamma e papà per richiedere spiegazioni su quello che non capisce.

L’età delle domande: che cosa fare

Come ci si relaziona in questa fase con il bambino? Mai sottovalutare le domande dei bambini.
Mamma e papà devono evitare di rispondere con leggerezza o prendendo poco sul serio le richieste del figlio. Al contrario è importante avere pazienza e rispondere con chiarezza a ogni perché, in modo da soddisfare la sua curiosità e non lasciargli in testa nessun dubbio.
Ogni domanda, infatti, è il frutto di una richiesta celata, che se non accontentata può creare una sorta di disagio nel bambino.

Top