logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
9

Coronavirus: all’Ospedale San Giuseppe di Milano mamme “protette” grazie a un percorso dedicato. E i corsi pre-parto si fanno in teleconference

Multi Medica
da www.multimedica.it
@Riproduzione Riservata
Le mamme in dolce attesa dell’Ospedale San Giuseppe di Milano potranno proseguire i corsi di accompagnamento alla nascita online. E, se si recano in ospedale, possono usufruire di un percorso ad hoc con un ascensore dedicato per accedere direttamente agli ambulatori e reparti del Dipartimento Materno – Infantile. In caso di coronavirus, la gravidanza non comporta di per sé il rischio di una prognosi peggiore: il virus non si trasmette dalla mamma al feto ma è fondamentale attenersi alle misure volte a contenere il contagio, valide per tutta la popolazione.
Già in condizioni normali diventare mamma può suscitare ansia e preoccupazione. Figuriamoci ai tempi del coronavirus!
E infatti centinaia di richieste, tra telefonate e e-mail, sono pervenute all’Ospedale San Giuseppe di Milano perché, come da indicazioni ministeriali, sono stati sospesi i percorsi di accompagnamento alla nascita e molte donne ora si sentono spaesate, senza quell’importante momento di confronto, non solo con l’ostetrica ma anche con le altre gestanti, rappresentato proprio dal cosiddetto corso pre-parto.
Per rispondere all’SOS lanciato dalle mamme e non farle sentire sole in questo momento storico così difficile, al San Giuseppe si stanno attrezzando: a breve verrà portato a termine in modalità teleconference l’ultimo corso pre-parto rimasto in sospeso e i prossimi partiranno direttamente online. In più, per fare sentire ancora più protette gestanti e neomamme che si recano in ospedale, sono stati predisposti un percorso e un ascensore dedicati a loro, per accedere direttamente agli ambulatori e ai reparti del Dipartimento Materno – Infantile.
“Con questi accorgimenti desideriamo innanzitutto tranquillizzare le nostre pazienti”, sottolinea Stefano Bianchi, Responsabile del Dipartimento Materno-Infantile dell’Ospedale San Giuseppe di Milano e Professore Associato presso l’Università degli Studi di Milano. “Per quanto concerne timori specifici legati al coronavirus, i dati di cui disponiamo attualmente non sono moltissimi ma fortunatamente sono abbastanza univoci nel dire che il virus non si trasmette durante la gravidanza e neppure il parto sembra essere un momento critico: non c’è quindi alcuna controindicazione a quello vaginale.
Un’altra buona notizia è che, a differenza di altre patologie virali che vedono nella gravidanza un periodo di maggior rischio per la mamma (come influenza e varicella), nel caso in cui si contragga il coronavirus l’essere gravida non comporta di per sé il rischio di una prognosi peggiore. Infine, è molto importante che anche gestanti e neomamme seguano le regole valide per la popolazione generale, volte a contrastare la diffusione del contagio”.

Top