logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
30

Carenza di ferro: un problema per donne in gravidanza e bambini

di Roberta Camisasca
da www.bimbisaniebelli.it
@Riproduzione Riservata del 07 ottobre 2019
La carenza di ferro (Iron Deficiency Day) interessa in Europa oltre il 30% della popolazione femminile, fino al 77% delle donne in gravidanza e il 48% dei bambini.-

Pallide e spossate? Non è stanchezza, ma carenza di ferro. Eppure, nonostante il problema sia così diffuso, è spesso trascurato e sotto diagnosticato, in gran parte proprio per la difficoltà a riconoscerne i sintomi.

Come si scopre

La diagnosi di carenza di ferro viene effettuata mediante un semplice esame del sangue che misura i livelli di emoglobina (il principale componente dei globuli rossi che fa sì che questi leghino l’ossigeno nei polmoni e lo trasportino ai tessuti e agli organi), la ferritina sierica (che riflette la quantità di riserve di ferro presenti nell’organismo) e la saturazione della transferrina (che indica quanto del ferro disponibile può essere utilizzato per produrre nuovi globuli rossi).

Tante conseguenze

Nei bambini la carenza di ferro può indurre disturbi della performance cognitiva, motoria e del comportamento. In gravidanza, l’aumentato fabbisogno di ferro per lo sviluppo del feto e della placenta può indurre uno stato anemico nella gestante, vera e propria patologia derivante da un deficit importante e prolungato, che a sua volta aumenta il rischio di parto prematuro e di basso peso del bambino alla nascita.

Non sottovalutarla

Intervenire tempestivamente per correggere la carenza di ferro, specialmente in gravidanza, è fondamentale, anche alla luce delle diverse strategie terapeutiche che consentono di far fronte al problema: dalla modifica della dieta, all’assunzione di preparati a base di ferro per via orale, alla somministrazione di terapie iniettive quando i farmaci orali sono mal tollerati.

Che cosa mangiare

Sul fronte della dieta, gli alimenti di origine animale che contengono una maggior quantità di ferro più facilmente assimilabile, sono: il fegato e le frattaglie; le carni (in particolare quella di tacchino), il pesce e il tuorlo d’uovo. Gli alimenti di origine vegetale più ricchi di ferro, invece, sono i legumi, i funghi secchi, la frutta secca (le albicocche secche), i cereali integrali e le verdure a foglia verde scuro (spinaci, crescione e cavolo riccio).

Top