Bonus bebè 2021: online la procedura per presentare la domanda

da www.ipsoa.it

@Riproduzione Riservata del 06 marzo 2021

MESSAGGIO INPS – 

L’INPS, con il messaggio n. 918 del 3 marzo 2021, comunica che è online la procedura per presentare la domanda di assegno di natalità o Bonus Bebè per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. La domanda va presentata attraverso il servizio online entro 90 giorni dalla nascita, dall’adozione o affidamento. Il termine ultimo per presentare la domanda è la fine del mese precedente a quello di compimento del primo anno di vita del bambino o del primo anno di ingresso nel nucleo familiare. Nel messaggio vengono fornite tutte le informazioni sulla modalità di presentazione della domanda, sulle soglie ISEE e i relativi importi del bonus.

E’ stata rilasciata dell’INPS la procedura di presentazione delle domande di assegno di natalità o Bonus Bebè per nascita, adozioni o affidamenti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.
Per gli eventi già avvenuti il termine di 90 giorni per la presentazione della domanda decorre dalla data di pubblicazione del messaggio n. 918 del 3 marzo 2021.
In considerazione della durata del beneficio che spetta fino al compimento del primo anno di età del bambino o del primo anno di ingresso in famiglia a seguito dell’adozione, è ancora possibile presentare domanda per gli eventi di nascita, adozione o affidamento avvenuti nel corso del 2020.

Come presentare la domanda

La domanda va inoltrata telematicamente attraverso il portale web dell’Istituto digitando nel motore di ricerca “Assegno di natalità” e selezionando tra i risultati il Servizio “Assegno di natalità – Bonus Bebè (Cittadino)” o, per gli intermediari, “Assegno di natalità – Bonus Bebè (Patronati)”.

Importi e ISEE valido

Per nasciteadozioni e affidamenti preadottivi del 2021 il bonus viene riconosciuto, nella misura minima, anche in assenza di un ISEE in corso di validità, purché sussistano tutti gli altri requisiti e fatta salva la possibilità di effettuare eventuali integrazioni a seguito di successiva presentazione dell’ISEE. Dunque, in assenza di un ISEE valido l’INPS può riconoscere solo l’importo minimo dell’assegno pari a 80 euro al mese o a 96 euro nel caso di figlio successivo al primo. Eventuali integrazioni dell’importo potranno essere riconosciute solo successivamente alla presentazione della DSU dalla quale sia derivato un ISEE minorenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *