logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
21

Assegno Unico Universale. L’appello della Ministra Bonetti: “Care famiglie, fate domanda entro febbraio!”

www.aibi.it
@Riproduzione Riservata del 15 febbraio 2022

Le prime erogazioni dell’Assegno Unico Universale partiranno da marzo. Importante presentare domande entro il 28 febbraio, perché da marzo smetteranno di essere erogate le altre misure di sostegno ala famiglia finora in essere.-

L’appello arriva direttamente dalla Ministra per le pari opportunità e la Familia Elena Bonetti, che in una lettera inviata alle Associazioni(°) ha ricordato la portata storica e l’importanza dell’introduzione della misura dell’Assegno Unico Universale, invitando tutte le famiglia a presentare la domanda entro febbraio, così da ricevere fin da subito i nuovi assegni e “non subire interruzioni rispetto al precedente regime”.
Come ormai ben noto, infatti, la partenza delle erogazioni dei primi assegni avverranno a partire dal 15 marzo. Per riceverli fin da subito è necessario, però, che le domande vengano inoltrate entro il 28 febbraio. Le domande arrivate dopo tale data, infatti, verranno evase a partire dal mese di aprile, fermo restando che tutte le domande fatte entro giugno hanno comunque diritto a ricevere gli assegni arretrati. Le domande presentate a partire dal mese di luglio, invece, non avranno più diritto a ricevere gli arretrati e usufruiranno della nuova misura a partire dal mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Assegno Unico Universale, può essere erogato anche senza ISEE

Anche l’ISEE, necessario per il calcolo preciso dell’importo spettante, può essere presentato dopo aver fatto domanda per l’assegno. In questo caso, fino all’acquisizione dell’ISEE (che avviene in automatico una volta che il documento è presente sul sito dell’INPS), si ha comunque diritto a ricevere la cifra minima prevista (50 euro per ciascun figlio minorenne, 25 euro per i figli tra 18 e 21 anni). Una volta acquisito l’ISEE e calcolato l’importo corretto, sempre che il tutto avvenga entro il mese di giugno, si ha diritto a ricevere il conguaglio anche rispetto agli arretrati.

Fare domanda per l’Assegno Unico Universale entro febbraio

Fare domanda per l’assegno entro il mese di febbraio è fondamentale non solo per ricevere gli assegni da subito, ma anche perché, sempre da marzo, è prevista la cessazione di tutti gli aiuti alla famiglia precedentemente erogati: parliamo di assegni al nucleo familiare, assegno per il terzo figlio, premio alla nascita, assegno per la natalità, bonus bebè…
Per non avere interruzioni rispetto al vecchio regime, quindi, e non ritrovarsi (temporaneamente) con minori entrate, è importante che il nuovo assegno venga erogato fin da subito, ricordando comunque che, se i precedenti incentivi venivano corrisposti direttamente in busta paga, il nuovo Assegno Unico e Universale verrà pagato direttamente dall’INPS sul conto corrente indicato dal richiedente nella domanda.

(°)

Pari Opportunità - Comune di Parma

Il Ministro per le Pari Opportunità
e la Famiglia
Roma 14 Febbraio 2022
Care Associazioni,
come sapete, alla fine dell’anno scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato in via
definitiva il decreto legislativo 29 dicembre 2021, n. 230, che ha istituito l'Assegno unico e
universale per i figli a carico.
Un traguardo a cui il Governo ha lavorato con tenacia, nella convinzione che si tratti
di un passo fondamentale per migliorare le politiche familiari, rendendole capaci di investire
sul futuro e garantire il supporto dello Stato a chiunque voglia impegnarsi nell’esperienza
della genitorialità.
L’Assegno unico e universale (AUU) è un sostegno stabile e strutturale per oltre 7
milioni di famiglie con figli; un diritto universale dei bambini e dei ragazzi, che spetta a tutte
le famiglie con figli a carico di età inferiore a 21 anni (senza limiti di età per figli con
disabilità), a prescindere dalla condizione lavorativa; uno strumento equo perché

commisurato al reddito e perché aumenta dal terzo figlio in poi.
Questo importante cambiamento ha bisogno di essere conosciuto e compreso: per
questo mi rivolgo a Voi, con cui ho avuto l’opportunità di confrontarmi e collaborare, per
invitarvi a mettere a disposizione le vostre capacità e il vostro impegno per sostenere il
grande sforzo che una riforma così importante richiede.
L’AUU sarà erogato direttamente dall’Inps su conto corrente a decorrere dal 1°
marzo 2022. Al fine di poterlo percepire già dal mese di marzo, è necessario che gli aventi
diritto si attivino subito per presentare le domande.
L’AUU, infatti, sostituisce le detrazioni fiscali per figli a carico minori di 21 anni,
gli assegni per il nucleo familiare e gli assegni familiari, oltre ad alcune misure quali
l’assegno per il terzo figlio, il premio alla nascita e l’assegno per la natalità - bonus bebè
(rimane invece confermato il Bonus asilo nido che non viene assorbito dall’AUU).

Per non subire interruzioni rispetto al precedente regime e non avere riduzioni delle
disponibilità economiche – seppur solo temporaneamente (tutte le domande presentate entro
il 30 giugno di ciascun anno danno comunque diritto agli arretrati dal mese di marzo) – è
importante che le domande siano presentate entro il mese di febbraio.
Le domande possono essere presentate direttamente all’INPS, sia presso gli sportelli
dell’Istituto sia in via telematica, o tramite Patronati e possono essere o meno accompagnate
da ISEE aggiornato; tuttavia la presentazione dell’ISEE è necessaria per ottenere un assegno
pieno commisurato alla situazione economica della famiglia.
Sul sito www.auu.gov.it potete trovare tutte le informazioni su funzionamento,
destinatari, importi e modalità di presentazione della domanda.
Rinnovandovi il mio personale invito a dare ampia informativa ai vostri associati, vi
ringrazio fin d’ora per quanto vorrete fare per essere tutti insieme protagonisti della
costruzione del futuro del nostro paese.

I miei più cordiali saluti.

Elena Bonetti

Top