logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
29

8 consigli di educazione alimentare per il bambino

di Alessia Altavilla
Ecco 8 consigli per migliorare il rapporto dei bambini con il cibo e trasformare i pasti in un momento di condivisione piuttosto che di lotta.- 

I bambini con un gusto selettivo, che amano mangiare solo alcune cose e ne rifiutano altre, possono mettere a dura prova la pazienza dei genitori, soprattutto al momento dei pasti che si trasformano spesso in campi di battaglia per stabilire chi la spunta alla fine. Un buon rapporto con il cibo, però, si costruisce sin dalla prima infanzia. Ecco 10 consigli per farlo.

  1.  La colazione: questa sconosciuta
    Abitua il bambino a fare sempre colazione. Dedica a questo pasto il tempo necessario per poter apprezzare gli alimenti in tavola con calma. Non è detto che la colazione debba essere solo a base di latte e biscotti (come spesso avviene in Italia). Anzi, la colazione salata - a base di uova o formaggio, yogurt e frutta - aiuta spesso a fornire tutto il nutrimento necessario per affrontare la giornata senza aggiunta di calorie inutili (quelle contenute in biscotti e merendine).
  2. Preparazione dei cibi: meglio semplici
    Abitua il bambino a gusti semplici e cotture sane (al vapore, nel forno...). Non è necessario perdere tempo con lunghe preparazioni in cucina. Anzi. Più il gusto del cibo di partenza è chiaro, più incontrerà il favore del bimbo.
  3. Cucina per tutta la famiglia e non solo per il bambino
    Abitua il bambino a sedersi a tavola con tutta la famiglia e non farlo mai mangiare prima con piatti diversi da vostri (può succedere, ma non deve essere la regola). Vedere i propri genitori è la più grande forma educativa per il piccolo.
  4. Fagli assaggiare tutto
    I bambini, in particolare nei primi due anni di vita, sono molto curiosi. Il cibo contenuto nei piatti di mamma e papà è, per loro, un'enorme attrattiva. Abitua il tuo bambino ad assaggiare tutto e a rifiutare solo in un secondo momento e non a priori questo o quell'alimento.
  5. Evita il sale e lo zucchero
    L'uso di sale e, soprattutto, zucchero andrebbe evitato perché altera il gusto degli alimenti e li rende diversi da quello che sono, soprattutto nei primi anni del bambino quando il gusto si sta formando.
    Abitua, quindi, il piccolo a sapori quanto più naturali possibili, evitando i cibi troppo salati o zuccherati.
  6. Frullati che passione!
    Piuttosto che i succhi di frutta industriali, per merenda, abitua il bambino a bere un frullato casalingo in cui si alternano frutta e verdure scelte anche in base alla stagione. Vale la regola di sopra: niente zucchero aggiunto.
  7. No ai cibi già pronti!
    I cibi pronti andrebbero quanto più possibile evitati o limitati a occasioni speciali. Preparate tutto a casa, cercando piuttosto di scegliere ricette semplici e facili da preparare.
  8. Abbi pazienza!
    Secondo alcuni studi, sono necessari almeno 7 assaggi perché un gusto nuovo venga accettato e amato. Spesso questo succede prima, ma se così non fosse il suggerimento è di armarsi di pazienza e far provare al bambino un alimento più e più volte. Alla fine imparerà ad apprezzarlo.

 
da www.bambinopoli.it
@Riproduzione Riservata del 23 maggio 2018

Top