logo sito cav

CAV - Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese ODV

Via Mentana n. 43
27058 Voghera (PV)
Tel: 349 4026282
email: cavvoghera@virgilio.it
Visualizzazioni:
2

10 consigli per affrontare le verifiche di fine quadrimestre

di Alessia Altavilla 
da www.bambinopoli.it
@Riproduzione Riservata del 16 gennaio 2021
La fine del quadrimestre si avvicina e gennaio è tempo di verifiche. Ecco come 10 regole da dare ai bambini per affrontare al meglio queste settimane. Senza stress e serenamente.-
10 consigli per affrontare le verifiche di fine quadrimestre
La fine del quadrimestre con la relativa consegna delle pagelle, si sta avvicinando a grandi passi e per i bambini queste sono settimane di verifiche, test e interrogazioni.
Per molti di loro un momento di stress in cui devono dimostrare quello che hanno imparato, mettersi alla prova e accettare il giudizio da parte degli insegnanti.

Come aiutare, dunque, i piccoli a vivere serenamente queste giornate senza, però, sminuirle e dando loro il giusto valore? Di seguito alcuni consigli, pratici ed educativi, per una fine quadrimestre senza problemi.

Abituate i bambini ad andare a letto presto: il riposo notturno, infatti, favorisce la concentrazione in classe, migliora la capacità di memorizzare e ragionare, favorisce calma e serenità.
Assicuratevi che i bambini abbiano un'alimentazione adeguata da cui non dovrebbe mancare alimenti in grado di fornire i micronutrienti considerati un vero e proprio alimento per neuroni (fosforo, omega 3, vitamine del gruppo B, metionina, tirosina e colina (che migliorano la capacità di concentrazione e di memorizzazione delle informazioni).
Riducete il numero di attività pomeridiana senza, però, eliminare del tutto le attività sportive e il gioco libero. Dopo la scuola, un momento di svago durante il quale il bambino possa liberare la mente e scaricare tutte le tensioni accumulate in classe è fondamentale. No, quindi, ai pomeriggi e ai weekend sempre fuori casa, sì ai giochi all'aperto, a qualche ora da dedicare al proprio sport...
Stabilite insieme al bambino un momento della giornata dedicato allo studio (dopo la merenda, dopo il gioco all'aperto, la sera prima di cena, il sabato mattina...) e un tempo massimo per lo svolgimento dei compiti. L'obiettivo è abituare il bambino a non occupare tutto il suo tempo libero per lo studio, ma a sfruttare al meglio, rimanendo concentrato, il 'poco' tempo necessario per lo svolgimento dei compiti e lo studio delle lezioni.
Abituate il bambino a studiare da solo, senza farsi distrarre dal gioco di eventuali fratelli, da tablet, tv...
Naturalmente, durante lo svolgimento dei compiti e lo studio, tablet e TV devono rimanere spenti e non a portate del bimbo.
Insegnate al bambino a essere preciso in classe, a scrivere tutti i compiti sul diario, ad ascoltare le lezioni in modo da ridurre il tempo a casa necessario per i compiti.
Abituate il bambino a essere responsabile per le sue cose: libri e quaderni lasciati a scuola, dimenticanze, verifiche abbandonate nelle cartellette.... non devono essere accettati. Con un maggiore accento sulla responsabilizzazione del piccolo man mano che cresce.
Non date un valore eccessivo al voto. Ciò che conta (ed è importante che il bambino lo capisca) è l'impegno e la determinazione che impiega in ambito scolastico.
A meno di casi gravissimi, non andate mai contro al giudizio degli insegnanti davanti al bambino, non mettete mai in discussione l'autorità delle maestre, non sottovalutate mai il lavoro svolto in classe, non diventate alleati dei vostri figli. Se davvero doveste riscontrare qualche problema, parlatene direttamente con l'insegnante in questione cercando di ottenere da lei spiegazioni.

Top