News ore 12.48 : Vaccini, un nuovo emendamento proroga l’autocertificazione

di Redazione Online – ore 12.48

Presentato dai relatori al milleproroghe. L’autocertificazione resta valida fino al 10 marzo 2019. L’obbligo di profilassi rimane. Conte: «Esteso regime transitorio per consentire avvio anno scuole». Lorenzin: «Gravissimo, c’è chi fa autocertificazioni false».-

Torna l’autocertificazione sui vaccini per garantire l’ingresso a scuola dei bambini. I relatori al decreto Milleproroghe hanno cambiato idea e ritirato l’emendamento presentato ieri che era soppressivo della normativa approvata in Senato. I relatori M5s hanno depositato nelle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera un nuovo emendamento che di fatto rafforza la circolare della ministra Giulia Grillo e consente ai bambini di poter iniziare l’anno scolastico grazie a una autocertificazione che varrà fino al 10 marzo 2019. Poi i genitori dovranno presentare a scuola tutta la documentazione che prova che i vaccini sono stati fatti. Rimane l’emendamento presentato ieri, che ripristinava l’obbligatorietà dei vaccini. Tutti i testi devono ancora essere votati dalle Commissioni. Le opposizioni hanno protestato, con in testa gli ex ministri Beatrice Lorenzin e Marianna Madia.

«Regime transitorio»

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte rispondendo, durante la sua visita a Ischia, ai cronisti che gli chiedevano dei nuovi emendamenti di maggioranza sui vaccini, ha affermato: «Sui vaccini dobbiamo dare certezza alle famiglie, per questo è intervenuto un nuovo emendamento che assorbe quello precedente ed estende il regime individuato come transitorio per consentire l’avviamento dell’anno scolastico».

L’emendamento

Le Commissioni Affari costituzionali e Bilancio, che stanno esaminando il milleproroghe, hanno effettuato in apertura di seduta la riammissione di alcuni emendamenti dichiarati ieri inammissibili per estraneità di materia. A questo punto i relatori, Giuseppe Buompane e Vittoria Baldino, entrambi di M5s, hanno presentato il nuovo emendamento che se aggiunge a quello depositato ieri, con il quale si cancella la norma introdotta in Senato (emendamento Taverna) che cancellava l’obbligo.

La Commissione è ora sospesa per dare il tempo ai deputati di presentare sub-emendamenti. Beatrice Lorenzin ha parlato di un «emendamento gravissimo», perché «abbiamo visto che esiste un movimento organizzato che predispone autocertificazioni false». Se dovesse essere approvato l’emendamento, ha aggiunto, «che da forza di legge alla circolare del ministro Grillo, verrebbe messa a rischio la salute dei bimbi dei nidi, perché stiamo parlando di bambini sotto i 12 mesi che stanno insieme a quelli più grandi». Inoltre «un atto medico non può essere autocertificato. «Il dibattito in commissione Affari sociali sta registrando un disastroso e distruttivo arretramento rispetto al parere espresso ieri sul tema dell’obbligatorieta’ dei vaccini. Questa nuova presa di posizione della maggioranza gialloverde, con un emendamento che permette la proroga dell’autocertificazione, sta provocando sgomento nelle istituzioni scolastiche e nel mondo scientifico».

da www.corriere.it

@Riproduzione Riservata del 06 settembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *