VACANZE IN SICUREZZA: I CONSIGLI DELL’OSPEDALE PEDIATRICO BAMBIN GESÙ

di Silvia

da www.mamme.it

@Riproduzione Riservata del 29 luglio 2020

L’estate è arrivata ed è tempo di partire per le vacanze al mare o in montagna, anche se quest’anno bisogna fare molta attenzione e seguire attentamente le indicazioni degli esperti. Per viaggiare in sicurezza con i bambini, i pediatri dell’Istituto per la salute dell’Ospedale Bambino Gesù hanno appena pubblicato una guida sul nuovo numero della rivista “A scuola di salute”.

vacanze-in-sicurezza-i-consigli-dellospedale-pediatrico-bambin-gesu

Il distanziamento sociale: come insegnarlo ai bambini

Nonostante i casi di covid-19 siano in netto calo è comunque opportuno mantenere alto lo stato di allerta e rispettare ancora le norme sancite dal Ministero della Salute. Per quanto riguarda i bambini, i pediatri del Bambino Gesù, sottolineano che è importante permettere ai più piccoli di socializzare e incontrare finalmente gli amici, ma prestando sempre attenzione alle distanze sia nei luoghi all’aperto che al chiuso. Insegnare a un bambino il distanziamento sociale può essere complicato, ma è necessario che si abitui e che rispetti la distanza di almeno un metro quando gioca al parco e anche al mare.

L’obbligo di mascherina per i bambini

Nelle direttive del Ministero della Salute si specifica che l’obbligo di indossare la mascherina è indicato per i bambini dai 6 anni in su, ma i pediatri nella loro guida specificano che può essere indossata anche dai i più piccoli per proteggersi soprattutto nei luoghi dove non è possibile rispettare la distanza di sicurezza. La mascherina deve coprire completamente bocca e naso e può essere indossata anche dai bambini di due anni di età.

Lavaggio delle mani

Durante il lockdown sono stati realizzati numerosi video per insegnare ai bambini quanto sia importante lavare con cura le mani dopo essere entrati in contatto con gli oggetti o con altre persone. Questa abitudine deve essere seguita anche in estate e soprattutto in vacanza, quando si passa più tempo al parco o in compagnia di altri amichetti. Nel caso in cui il bambino mostri alcuni sintomi da coronavirus (quali febbre, mal di gola, raffreddore, tosse) è consigliabile contattare immediatamente il medico, che vi indicherà il percorso giusto per verificare la presenza o meno del virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *