Diocesi di Tortona: Messale Romano

di Claudio Baldi

da www.diocesitortona.it

@Riproduzione Riservata del 23 ottobre 2020

Giovedì scorso il vescovo ha incontrato i sacerdoti e i diaconi e ha illustrato la terza edizione del libro

«Il Messale è custode del mandato di Gesù».-

TORTONA – «Tutta l’umanità trepidi, l’universo intero tremi e il cielo esulti, quando sull’altare, nella mano del sacerdote, si rende presente Cristo, il Figlio del Dio vivo. O ammirabile altezza e degnazione stupenda! O umiltà sublime! O sublimità umile, che il Signore dell’universo, Dio e Figlio di Dio, così si umili da nascondersi, per la nostra salvezza, sotto poca apparenza di pane! Guardate, fratelli, l’umiltà di Dio, ed aprite davanti a lui i vostri cuori; umiliatevi anche voi, perché siate da lui esaltati. Nulla, dunque, di voi trattenete per voi, affinché totalmente vi accolga colui che totalmente a voi si offre».

Con questa preghiera di San Francesco, contenuta nella sua Lettera a tutto l’ordine, mons. Vittorio Viola, nella mattinata di giovedì 15 ottobre, in cattedrale, ha aperto l’incontro per sacerdoti e diaconi.

Il tema è stato la presentazione della terza edizione del “Messale Romano”, pronto per la distribuzione e per l’uso liturgico dalla prima domenica di Avvento.

Il vescovo ha scelto le parole del santo di Assisi per cogliere, dalla sua fede e dal suo amore per l’Eucarestia, lo stupore infinito per ciò che ogni giorno accade sull’altare.

«Il nostro incontro – ha detto il presule – vuole essere l’inizio di un cammino, per accogliere il do- no che ci viene offerto della nuova edizione del Messale. Questa è una grande occasione per riscoprire la bellezza e la forza vitale del celebrare cristiano e dell’eucarestia, culmen et fons dell’agire della Chiesa».
Il Messale è libro prezioso, perché custodisce il mistero dell’ultima cena, il mandato del Signore, la legge della preghiera (lex orandi) che sempre spiega e rivela ciò che la Chiesa crede e tramanda di generazione in generazione, perché sia perpetuato e offerto il santo sacrificio dell’altare (lex credendi).

Il Messale, infatti, come la Chiesa, custodisce il mandato del Signore e dentro c’è tutta la tradizione viva ecclesiale che trasmette e proclama la forma del celebrare.

È un patrimonio infinito, che ci aiuta a riscoprire la bellezza e la fecondità della celebrazione.

Per questo mons. Viola ha “sfogliato” il testo, spiegando le scelte fatte e motivando i criteri della sua preparazione e rimandando ad altri incontri di entrare dentro la ricchezza dei gesti e dei testi.

L’intervento del vescovo si è sviluppato ad ampio raggio, toccando le tappe storiche dell’origine dei libri liturgici e i vari passaggi della preparazione del Messale: gli incontri romani, le verifiche e le attese durante il passaggio in Congregazione per la Liturgia, fino all’intervento e all’approvazione diretta di papa Francesco.

Ha presentato gli arricchimenti più significativi e i cambiamenti effettuati nelle preghiere del “Gloria” e del “Padre nostro” e nella presentazione del Corpo del Signore prima della comunione.

Infine, ha letto alcuni nuovi prefazi che si aggiungono a quelli già esistenti e fornito degli esempi di traduzione, motivando la difficoltà di una resa che sia fedele al testo latino e nello stesso tempo sia valida per le altre lingue.
Alcune comunicazioni riguardanti la ripresa del catechismo e delle attività di formazione in presenza nelle parrocchie in tempo di Covid, hanno preceduto la preghiera dell’Angelus che ha chiuso l’incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *